Nasce la cover per IPhone targata WWF | WWF Italy

Nasce la cover per IPhone targata WWF

Notizie pubblicate su 05 November 2013   |  
Cover IPhone WWF
© WWF Italia
Nasce la prima cover per cellulari targata WWF, made in Italy, studiata per avere il minor impatto possibile sul pianeta: completamente biodegradabile, packaging 100% riciclabile, coloranti naturali e atossici, emissioni di CO2 dovute al trasporto ridotte al minimo perché l’intera filiera produttiva è stanziata in Italia. La cover è il frutto della collaborazione tra il WWF, iNature e il giovane Luca Torresi, contitolare della piccola azienda marchigiana Biomood che nel 2010 ha avuto l’idea e nel 2012 ha vinto il premio  "Innovations 2012 Design and Engineering" assegnato dalla Consumer Electronics Association a prodotti d'eccellenza nel design e nell'ingegneria. Si può avere, nelle versioni per iPhone 4/4s/5/5s, sul sito WWF-Pandagift  con una donazione di almeno 15 euro, che andrà a sostenere i progetti WWF per la tutela della natura in Italia e nel mondo.

Ogni anno vengono prodotte nel mondo milioni di cover in plastica o silicone per iPhone e altri dispositivi mobili, un’enorme mole di materiale che impiegherà diversi secoli per decomporsi. Test apportati sulle custodie iNature dal “Italian Pulp and Paper Reserch Institute” ne hanno certificato la biodegradabilità in soli 112 giorni se correttamente smaltita, secondo la normativa europea EN 13432 e quella americana ASTM D6400. Realizzare cover biodegradabili è un piccolo contributo alla lotta mondiale all’inquinamento, alla produzione di rifiuti e alle emissioni responsabili dei cambiamenti climatici.

Le cover iNature sono prodotte con un materiale brevettato a livello internazionale, derivato parzialmente da risorse rinnovabili. Durante il normale utilizzo, questo materiale si comporta come una qualsiasi plastica, non degradandosi a contatto con aria o acqua. Alla fine del suo ciclo di vita, la cover iNature deve essere gettata nei rifiuti di tipo compost (frazione umida).


Commenti

blog comments powered by Disqus