L'Enel “secca” il Sagittario nell'Oasi WWF delle Gole del Sagittario | WWF Italy

L'Enel “secca” il Sagittario nell'Oasi WWF delle Gole del Sagittario

Notizie pubblicate su 22 October 2013   |  
Oasi Gole Sagittario - Il fiume Sagittario in secca per i lavori all'Enel (18 ottobre 2013)
Oasi Gole Sagittario - Il fiume Sagittario in secca per i lavori all'Enel (18 ottobre 2013)
© WWF Italia

Il WWF interviene sul caso del Fiume Sagittario mandato “in secca” all'interno della Riserva e Oasi WWF Gole del Sagittario.

Il Fiume Sagittario rimane " a secco", a causa di una maldestra operazione di manutenzione dell'ENEL presso la Diga di S, Domenico. Per diverse ore neanche un litro di acqua ha raggiunto l'alveo del fiume abruzzese. Il personale della Riserva e Oasi WWF delle Gole del Sagittario ha richiesto un immediato sopralluogo al Corpo Forestale dello Stato e all'ENEL stessa che ha provveduto ad apportare una modifica al rilascio di acqua nel fiume. Il Direttore della Riserva ha verbalizzato l'accaduto per procedere con un doveroso esposto alla Procura da parte degli enti competenti, a partire dal Corpo Forestale dello Stato, organo di vigilanza per i Siti di Interesse Comunitario come le Gole del Sagittario. Secondo il Presidente del WWF Abruzzo Luciano Di Tizio “Quanto accaduto ha dell'incredibile". Un'intervento, quello dell'Enel, non pianificato secondo la direttiva europea "Habitat" a tutela dei Siti di Interesse Comunitario, che prevede una preliminare Valutazione di Incidenza Ambientale. Le conseguenze dell'intervento sulla flora e la fauna del Fiume Sagittario hanno rischiato di minare anni di sforzi per la conservazione della natura. Il WWF ritiene necessario individuare le responsabilità e sanzionarle secondo il Codice Penale, in cui di recente è stato introdotto un reato apposito, relativo alla perturbazione di habitat e specie protette.
Oasi Gole Sagittario - Il fiume Sagittario in secca per i lavori all'Enel (18 ottobre 2013)
Oasi Gole Sagittario - Il fiume Sagittario in secca per i lavori all'Enel (18 ottobre 2013)
© WWF Italia Enlarge

Commenti

blog comments powered by Disqus