Appello per la Natura d'Italia | WWF Italy

Appello per la natura d'Italia

© Roberto CATUZZO / WWF-Italy

Per la difesa e il rilancio dei parchi naturali e delle aree marine protette

 

La legge quadro sulle aree naturali protette (Legge 6 dicembre 1991, n. 394) ha rappresentato un punto di svolta nella tutela della natura italiana, consentendo di passare da poche aree protette ad un sistema di parchi e riserve che attualmente protegge oltre il 10% del territorio italiano.  Non a caso viene considerata la “Costituzione delle aree protette italiane”, presa peraltro a modello da altre legislazioni. Oggi, una proposta di legge in discussione al Senato intende apportare delle modifiche che finirebbero per peggiorarla pesantemente. Se è vero che dopo 25 anni qualsiasi legge necessita di una verifica e di modifiche, è altrettanto vero che il testo in discussione non risolve nessuno dei problemi evidenziatisi nella gestione delle aree protette, ma anzi finisce per aggravarli, complici numerose modifiche apportate in maniera disorganica negli anni passati. Senza voler mettere in discussione l’impegno dei parlamentari che hanno elaborato il testo, dobbiamo affermare con forza che il lavoro avviato non può ritenersi completato, essendo peraltro mancato anche un iniziale momento di bilancio, esame e confronto come la terza Conferenza nazionale sulle aree naturali protette da più parti richiesta. 

Restano largamente insoddisfacenti le soluzioni adottate su molteplici aspetti come la governance, la mancanza di obbligatorietà di specifiche competenze per i ruoli apicali, la composizione dei consigli direttivi che si aprono a portatori di interessi economici particolari, le dotazioni organiche e di sorveglianza, la gestione faunistica, la cancellazione del parco nazionale del Delta del Po, la frammentarietà del sistema delle aree marine protette, la previsione di royalty su interventi impattanti nei parchi, e tanto altro ancora come hanno avuto modo di evidenziare in questi ultimi mesi il mondo ambientalista e quello scientifico, oltre a tanti operatori “dei” parchi e “nei” parchi.

Il quadro che emerge è un sistema che si appiattisce verso gli interessi localistici, quasi che il patrimonio che si vuole tutelare attraverso i parchi nazionali e le aree marine protette non sia un valore unico e irrinunciabile non solo per l’Italia, ma per l’intero continente europeo. Ed è fortissima la sensazione che si stia sprecando un’occasione.  Si sta rinunciando ad una vera e moderna riforma, efficace e condivisa, per intervenire in maniera disomogenea e confusa senza tener conto del dibattito nazionale e internazionale sulle aree protette, sulla conservazione della biodiversità, sulla tutela del paesaggio e sui cambiamenti climatici. Quanto il legislatore del 1991 seppe cogliere aspetti innovativi dal confronto con la società civile e la comunità scientifica, tanto il legislatore odierno sembra aver avuto paura di “ascoltare” i tanti che hanno elaborato e proposto nuove soluzioni e valide alternative. Lo scarso confronto concesso, sempre su richiesta delle associazioni ambientaliste, ha finito per produrre alcuni aggiustamenti-spot del tutto insufficienti a modificare il giudizio complessivo. I ritardi del passato, non certo imputabili a chi, pur criticando le modifiche proposte, si è sempre mostrato disponibile al confronto, non possono giustificare la fretta di oggi. Non sappiamo, considerati i tempi della legislatura e i moltissimi nodi da sciogliere prima della sua conclusione, come andrà avanti l’esame del disegno di legge, ma per quella responsabilità che sentiamo di avere verso le future generazioni, vi chiediamo una pausa di riflessione che consenta approfondimenti e analisi, indispensabili considerato che è in gioco un patrimonio naturale e culturale senza eguali.

Nel ringraziarvi per l’attenzione prestata, vi auguriamo un buon lavoro nell’interesse del Paese.

A chi è diretto l'appello?
Chi lo ha firmato?
 

Firma anche tu il nostro appello!

Ci aiuterai a difendere i parchi naturali e le aree marine protette

Condividi l'iniziativa sui social

 

 

© L. Biancatelli

Legge sui parchi

Lo scorso 20 giugno la Camera ha approvato un testo che porta indietro di quarant'anni la legislazione di salvaguardia della Natura: ora quel testo è passato al Senato,dove potrebbe avere il via libero definitivo. Per mesi il WWF chiesto di correggere questa riforma, costruita per soddisfare solo interessi economici, che poco o nulla hanno a che fare con la tutela della natura. Il WWF chiedeva e chiede un progetto di visione strategico per le Aree Protette, mentre quello che è stato approvato dalla Camera non fa che peggiorare la situazione.

Per maggiori informazioni clicca qui >>