WWF Italy - #CambiamoAgricoltura

#CambiamoAgricoltura

La politica agricola europea è sbagliata e rischia di danneggiare la salute delle persone, il nostro cibo e l’ambiente. Cambiamola!

Firma ora!
©: David Belfiori, WWF oasi

Oggi l’Unione Europea sostiene un’agricoltura malata: favorisce un ristretto numero di grandi aziende agricole - senza pensare al bene di tutti - produce cibo non sano e danneggia la nostra salute, l’ambiente, le piante, gli animali. E tutto questo viene fatto con i soldi dei cittadini europei.



Questi sono giorni determinanti per decidere il futuro della Politica Agricola Comune (PAC), una delle politiche più importanti, influenti e dibattute dell’UE. La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica sul futuro della PAC, che terminerà il 2 maggio 2017.





Per cambiare la PAC è essenziale che il maggior numero di persone e associazioni facciano sentire la loro voce per far sapere alla Commissione Europea che il sistema agricolo dell’UE va cambiato e che la PAC va riformata per essere:
  • GIUSTA per gli agricoltori e le comunità rurali
  • SOSTENIBILE per l’ambiente, per avere acqua e aria pulita, un suolo sano, per rispettare la vita di piante e animali
  • SANA per il nostro cibo e per il benessere di tutti
  • RESPONSABILE per proteggere il futuro del pianeta e del clima, per un’agricoltura veramente sostenibile a livello globale.


Possiamo cambiare le sorti dell’agricoltura in Italia (e in tutta Europa), rispondendo a questo questionario online. Insieme alle principali associazioni ambientaliste e dell’agricoltura biologica possiamo chiedere e ottenere un’agricoltura davvero sostenibile e rispettosa dell’ambiente, della biodiversità e della nostra salute.

 

La campagna #CambiamoAgricoltura nasce da un'esigenza condivisa di riformare la politica agricola Europea, e perciò è supportata da un'ampia coalizione tra Associazioni ambientaliste e dell’Agricoltura biologica.

Per avere maggiori informazioni sulla campagna e sulle attività previste visita il sito www.cambiamoagricoltura.it

segui la campagna #cambiamoagricoltura

#Cambiamoagricoltura: questa non è solo una mela!

Condivi la campagna su facebook: