Suolo | WWF Italy
 
	© John E. Newby / WWF

Alla base della vita

 rel=
© Jonne Seijdel / WWF-Netherlands

Difendere il terreno

La qualità del suolo è il termometro della salute di interi ecosistemi: per questo la protezione della vita parte dalla terra.
Assorbe l'acqua, nutre le piante, fornisce la casa a molti animali: il suolo è alla base del ciclo della vita, e tutelarlo è fondamentale. Tutte le diverse proprietà del suolo - tessitura, umidità, fertilità - contribuiscono al suo stato di salute.

Mentre nei terreni non coltivati queste caratteristiche si bilanciano in modo naturale, il terreno agricolo è un suolo semplificato e quindi molto più vulnerabile. Privo di copertura vegetale durante gran parte dell'anno, è anche indebolito dall'uso di fertilizzanti e pesticidi, che uccidono la microfauna. 

La conseguenza è che l’azione erosiva dell’acqua e del vento è 40 volte più veloce rispetto al ritmo con cui il suolo impiega a riformarsi. In confronto ai terreni ricoperti di foreste l'erosione è addirittura dalle 500 alle 10 mila volte più rapida. E così migliaia di tonnellate di suolo si riversano irreversibilmente nei fiumi e nel mare.

Per questo il WWF cerca da anni di promuovere un'agricoltura sostenibile, che eviti l'abuso di prodotti chimici e rifiuti di trasformare i propri campi in officine.

Il WWF per un'agricoltura sostenibile

 
	© WWF-Greece / Vassilis Kokkinidis
Le attività del WWF Italia per promuovere un’agricoltura rispettosa dell’ambiente naturale partono da lontano. Precisamente dal 1988, quando l’Associazione lanciava la sua “Campagna per la Campagna”: un vero e proprio programma di azione che univa progetti sul campo ad attività di comunicazione, formazione ed educazione.

Oggi l'associazione si batte per un agricoltura che riduca drasticamente l'uso della chimica e salvaguardi la biodiversità, rispettosa dell’ambiente e della fertilità dei suoli. In particolare l'Associazione lavora affinché questi principi siano sostenuti dalla nuova PAC, la Politica Agricola Comune dell’Unione Europea, in discussione al Parlamento europeo.

Terra & Acqua