Venezia - Forte marghera | WWF Italy

Venezia - Forte marghera

 rel=
© WWF
In Italia il demanio militare costituisce ancora una porzione rilevante del patrimonio pubblico, sebbene le recenti cartolarizzazioni abbiano modificato la situazione iniziale. Spesso le aree militari hanno rappresentato laddove possibile luoghi simbolici di rivitalizzazione, quando hanno potuto essere oggetto di restauro: è il caso ad esempio della Fortezza Da basso a Firenze, ampio spazio dedicato a Fiere e convegni.
Forte Marghera è un’antica area fortificata (oltre 48 ettari, comprensivi di canali interni), a stella, sita nella città omonima, di proprietà del Comune di Venezia e gestita dalla società Marco Polo System. L’area, dopo due secoli, è stata privata di ogni funzione militare e logistica nel 1996. Posta tra terraferma e laguna, attualmente è molto utilizzata come parco pubblico e ospita nei numerosi edifici storici (ex-polveriere ottocentesche, etc) attività artigianali/creative ed è sede di associazioni. Attraversato da una strada principale ciclabile, il Forte presenta ancora la darsena, utilizzabile solo da barche a remi.

Recentemente un gruppo di giovani ha realizzato un piccolo ristorante e un pub, attività incentrate tematicamente sulla produzione locale e biologica e sulla bicicletta (vengono affittate infatti biciclette per visitare il parco). La Direzione artistica della società che gestisce il Forte per conto del Comune costruisce annualmente un piano culturale, spesso in connessione con gli eventi veneziani (es. Biennale) e in stretta collaborazione con gruppi di artisti locali.

Lo spazio del Forte costituisce un’importante opportunità per la città di Mestre e per Venezia stessa; uno spazio aperto, tranquillo e ampio sicuramente funzionale anche ai flussi turistici e nello stesso tempo spazio libero per i residenti dei quartieri limitrofi che già lo utilizzano come spazio ricreativo e artistico. Attualmente rischia di essere privato dal patrimonio di bene comune della città in quanto oggetto di mire di trasformazione dell’area (alberghi e residenze). Nel 2011 è stato attivato un forum di cittadini che attualmente si riunisce spontaneamente e che sta definendo linee guida di riqualificazione.