Allarme WWF: 13 orsi morti negli ultimi 4 anni in Appennino | WWF Italy

Allarme WWF: 13 orsi morti negli ultimi 4 anni in Appennino

Notizie pubblicate su 17 September 2014   |  
Orso bruno marsicano, Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise
© M.Micheletti
Dal 2010 ad oggi sono ben 13 gli orsi bruni marsicani uccisi nel centro Italia da bocconi avvelenati, malattie trasmesse dal bestiame allevato, bracconaggio  e da altre cause che ancora oggi restano sconosciute. L’orso trovato morto la scorsa settimana vicino Pettorano sul Gizio è dunque solo l’ultimo di una lunga serie e i dati dimostrano che abbiamo perso in soli 4 anni un quarto della popolazione di questa sottospecie (in un anno il 10%), stimata in circa 50 esemplari.

L’allarme viene lanciato alla vigilia di una giornata cruciale per questo animale simbolo della fauna italiana: giovedì 18, infatti,  presso il Ministero dell’Ambiente  è convocata una riunione tecnica della ‘task-force’ già in essere da due anni, ovvero, l’Autorità di Gestione del Piano di Azione per la Tutela dell’Orso marsicano (PATOM). E’ l’occasione perché tutti gli attori coinvolti, dal Ministero dell’Ambiente alle Regioni Abruzzo, Lazio e Molise, dal Corpo Forestale agli enti di ricerca fino alle aree protette abruzzesi  mettano da subito in pratica  le indicazioni e le azioni prioritarie e dalle analisi del progetto LIFE Arctos per intervenire seriamente sull’emergenza orso bruno marsicano.

“Stiamo perdendo colpo dopo colpo e quasi nel silenzio un animale simbolo della nostra fauna protetta – ha dichiarato Donatella Bianchi, Presidente del WWF Italia – La nostra denuncia è rivolta principalmente alle istituzioni che fino ad oggi si sono dimostrate incapaci di intervenire con una chiara e definita strategia operativa e con competenze degne del valore di questa specie. Questa situazione di crisi richiede provvedimenti eccezionali e la riunione di domani può e deve essere il punto di svolta affinchè  ministeri e Regioni, con particolare impegno dell’Abruzzo, rispondano con i fatti all’urgenza del momento. La task-force deve attivare quelle azioni concrete finora mancate e coordinarle con le amministrazioni e le forze dell’ordine. E’ urgentissimo attivare quel monitoraggio continuo sul territorio per debellare finalmente bracconaggio, veleni, diffusione di patologie infettive e  presidiare le aree dove vive l’orso accrescendo la cultura della convivenza e della tolleranza”.

Malattie, bracconaggio, veleno: le richieste del WWF. Un fattore micidiale per l’orso bruno, come per altre specie protette, è la diffusione di patologie infettive: sono diversi i casi di TBC riscontrati in alcuni dei pascoli del Parco Nazionale d’Abruzzo, un problema non risolto come si voleva far credere. L’emergenza sanitaria  richiede provvedimenti immediati e seri, con interventi anche impopolari, come la sospensione delle attività zootecniche nelle aree colpite, i controlli a tappeto degli allevamenti affinchè si blocchi in partenza la diffusione di patologie anche gravi per l’uomo.
Presidi sul territorio costanti e vigilanza vanno rafforzati anche per dissuadere e contrastare i bracconieri che agiscono silenziosamente disseminando il territorio di bocconi avvelenati, di cui purtroppo non sono vittime solo gli orsi ma anche lupi, grifoni, aquile, martore, volpi e faine e tanti altri animali colpiti da una vera e propria piaga del nostro paese.  
Il progetto LIFE Arctos, nato per applicare sul territorio le indicazioni del PATOM , ha prodotto indicazioni utili e evidenziato problematiche non più trascurabili, ma alle nostre istituzioni sembra mancare la capacità di mettere in atto provvedimenti operativi, il che è invece proprio ciò che serve per l’orso.


Commenti

blog comments powered by Disqus