A Doha contano i risultati | WWF Italy

A Doha contano i risultati

Notizie pubblicate su 05 December 2012   |  
Doha cop18
Doha COP18
© WWF International
Secondo  Mariagrazia Midulla, responsabile Clima e Energia del WWF Italia, che è a Doha per seguire i negoziati,   i negoziatori pensano che la missione principale di Doha sia solo procedurale e che sarà considerato un successo se riuscirà semplicemente a spostare il processo in avanti.

"C'è un pericolo reale che la COP18 non produrrà nulla che possa ridurre sostanzialmente le emissioni di gas a effetto serra a livello mondiale. Questo non può essere solo un processo negoziale, abbiamo bisogno di impegni di sostanza per tagliare le emissioni e vengano mantenute le promesse sui finanziamenti per i Paesi più vulnerabili per adattamento e mitigazione ".

"Non accetteremo scuse da parte dei leader al termine di questo incontro. Nelle scorse settimane  sono stati resi noti diverse studi scientifiche che ci dicono che non abbiamo più tempo: non possiamo ignorare il fatto che il cambiamento climatico sta accadendo e accade più velocemente del previsto e che gli effetti avranno un impatto su tutti noi, anche se in  modi diversi "dice Midulla.

La COP18 deve fare la sua parte e  mantenere il  riscaldamento globale entro l’aumento di due gradi di temperatura rispetto all’era pre industriale, quindi abbiamo bisogno di tre cose.

"In primo luogo occorre garantire l'integrità dell'ambiente, rafforzando le norme esistenti.
In secondo luogo occorre aumentare l'ambizione delle strategie di mitigazione su tutta la linea, guidata dai paesi sviluppati i cui attuali obiettivi sono assolutamente troppo modesti  e da parte dei paesi in via di sviluppo, in particolare quelli che non hanno ancora presentato i propri impegni di mitigazione volontaria. Infine, per sostenere le azioni nei paesi in via di sviluppo e costruire la fiducia, chiediamo alle Parti di impegnarsi a raddoppiare i livelli di finanziamento attuali per fornire almeno 60 miliardi di dollari di fondi pubblici nel corso dei prossimi tre anni, come parte di una tabella di marcia per il salto dai livelli attuali ad almeno 100 miliardi di dollari all'anno nel 2020. Tali fondi devono essere investiti in modo da   mobilitare anche ingenti investimenti del settore privato per l’economia a basso tenore di carbonio  e resiliente al clima".

 Il risultato raggiunto a Doha avrà comunque effetti sul clima mondiale, sulle nostre comunità, sulla nostra salute, sicurezza alimentare e sugli approvvigionamento per le generazioni a venire.

"Discussioni infinite di processo rischiamo di non raggiungere i risultati di cui abbiamo bisogno per contrastare il cambiamento climatico. Vanno ulteriormente ridotte le emissioni e mantenute le promesse di finanziamenti per trasformare le economie  a basse emissioni di carbonio."

Doha cop18
Doha COP18
© WWF International Enlarge

Commenti

blog comments powered by Disqus