pesca i ministri seguano i pareri scientifici | WWF Italy

pesca i ministri seguano i pareri scientifici

Notizie pubblicate su 14 December 2012   |  
Roberto Ferrigno WWF consegna le firme a Ulrike Rodus della Commissione Pesca della UE
© WWF/E.Scagnetti
L'analisi del  WWF dimostra che nel corso degli ultimi nove anni i Ministri della pesca dei paesi europei hanno seguito i consigli della comunità scientifica solo nel 13% delle loro decisioni, e questo ha portato a decidere quote di pesca in media superiori del 45% rispetto a quanto consigliato dalla scienza.

Ciò significa che i Ministri hanno autorizzato la pesca di 6,2 milioni di tonnellate di pesce in più rispetto ai livelli di cattura scientificamente corretti - questo vuole dire legalizzare la pesca eccessiva.
L’analisi viene lanciata nel pieno della bufera giudiziaria che ha investito  nel nostro Paese il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che ha anche la competenza  sul settore pesca.

"Il Parlamento Europeo ha bisogno di vedere i risultati che il cattivo lavoro da parte dei Ministri  ha fatto negli ultimi dieci anni nel settore della pesca. Un esempio straordinario è l’aumento del 264% della quota di pesca rispetto a quanto raccomandato dalla consulenza scientifica per solo 2008. I deputati hanno ora un'opportunità unica e il potere di raddrizzare un torto. La risposta è semplice, occorre per ascoltare la scienza e lasciare che possa avvenire il recupero degli stock ittici ", dice Marco Costantini responsabile Mare WWF Italia.

Ad aggravare la situazione le quote fissate non comprendono la quantità di pesce che si ributta in mare e non viene quindi registrato come cattura.
Per esempio tra il 2003 e il 2005, la pesca di merluzzo bianco del Mare del Nord da solo ha portato a 18.000 tonnellate di pesce ributtato a mare, pari alla dimensione di circa 1.300  camion della spazzatura.

In Europa quasi la metà degli stock del Nord-Est dell'Atlantico sono stati superati e nel Mediterraneo questa cifra è pari al 80%. Le flotte da pesca dell'Unione Europea hanno saccheggiato le acque europee per troppo tempo, con la conseguenza di aver sovra sfruttato per due terzi gli stock ittici. Continuare in questo modo sarà devastante non solo per gli stock ittici europei, ma anche per l’intero settore della pesca sul lungo termine, dove ci sarà un calo dei profitti e dei redditi per i pescatori, a meno che l'imminente riforma del settore della pesca garantisca  che gli stock ittici possano recuperare e siano gestiti a livelli sostenibili.

"Per aggiungere al danno la beffa, non tenendo conto dei pareri scientifici, le decisioni dei Ministri della pesca non solo danneggiano un bene pubblico come i pesci, ma stanno anche sprecando il pesce che viene ributtato in mare e non conteggiato sprecando così i soldi dei cittadini dell'UE.
Tra il 2003 e il 2012, l'Unione Europea ha pagato circa € 7,5 milioni al CIEM Consiglio internazionale per l'esplorazione del mare per un servizio scientifico che i Ministri della pesca non hanno semplicemente preso in considerazione nelle loro decisioni. Qualcosa deve cambiare " continua Costantini.

Tendenze positive di recupero degli stock ittici sono state registrate negli ultimi anni, ma troppo spesso sono un'eccezione piuttosto che una regola. La situazione attuale deve essere invertita e la pesca eccessiva legalizzata deve essere fermata. Gli stock ittici saranno in grado di recuperare solo quando le giuste decisioni politiche saranno prese seguono i pareri scientifici.

Il WWF a livello europeo segue da mesi la riforma della pesca con l’iniziativa online  “Impediamo la bancarotta degli oceani” che ha prodotto 30.000 email inviate ai parlamentari europei e ben 150.000 firme raccolte su una petizione per una riforma ambiziosa e radicale.
Roberto Ferrigno WWF consegna le firme a Ulrike Rodus della Commissione Pesca della UE
© WWF/E.Scagnetti Enlarge

Commenti

blog comments powered by Disqus