Cervi, testuggini e rane tutelati grazie alle oasi | WWF Italy

Cervi, testuggini e rane tutelati grazie alle oasi

Notizie pubblicate su 01 July 2015
Cervo sardo (giovane maschio)
© G. Paulis
WWF Italia ha identificato  una serie di habitat e specie “target” tutelate dalle direttive europee Uccelli e Habitat particolarmente rappresentate nel proprio Sistema di Oasi nazionale, la cui azione del WWF per questo  è determinante per la loro conservazione a livello globale.

E’ il caso, ad esempio del Cervo Sardo o del piccolo anfibio  Geotritone di Genè, entrambi endemici della Sardegna e protetti in gran parte nella storica e stupenda Oasi di Monte Arcosu: già solo l’azione del WWF Italia consente la tutela di importanti popolazioni di queste due specie.

Vi sono anche specie di interesse comunitario ampiamente distribuite nelle Oasi WWF come le due Testuggini palustri, quella più a larga distribuzione (Emys orbicularis) , presente in oltre 40 oasi del sistema WWF e quella endemica della Sicilia (Emys trinacris), recentemente distinta come specie a sé stante e presente in due Oasi WWF e riserve naturali siciliane, Laghi di Preola e Torre Salsa. Il WWF ha anche due centri di riproduzione per queste specie uno nell’Oasi la Francesa a Carpi (Mo) per Emys orbicularis e uno presso l’Oasi Lago Preola in Sicilia per Emys trinacris.

Un’altra specie importante anche per il suo ruolo di indicatore di qualità degli ecosistemi acquatici è il Gambero di fiume (Austropotamobius pallipes italicus) che è presente in almeno 14 Oasi WWF e in due, Valpredina (Lombardia) e cascate Rio verde (Abruzzo), sono in atto progetti di studio e di allevamento particolari  che sono da traino per altre aree dove quella specie non c’è più o è in regresso.  

Inoltre da segnalare la rana di Lataste specie endemica della pianura padana presente in una decina di oasi.


Vi sono anche specie di uccelli come il Fraticello che, oltre ad essere presente in diverse oasi del sistema è stato recentemente oggetto di un importante progetto Life, in cui partecipa il WWF, nel Delta del Po veneto grazie al quale sono state realizzate nuove isole o barene per la sua nidificazione.

Oltre 280.000 cittadini europei sono già accorsi  in difesa delle Direttive Habitat e Uccelli aderendo all’azione Nature Alert  #AllarmeNatura, promossa da oltre 100 associazioni, tra cui in prima fila c’è il WWF

Alcune specie a rischio sono le protagoniste anche del nuovo video pubblicato su http://www.wwf.it/keepnaturealive.cfm, dove è possibile anche firmare la petizione entro il 24 luglio.
Cervo sardo (giovane maschio)
© G. Paulis Enlarge
Il gambero di fiume all'Oasi WWF Cascate del Rio Verde
Il gambero di fiume all'Oasi WWF Cascate del Rio Verde
© WWF Italia/A.Agapito Enlarge
Rana di Lataste
© A. Agapito L. Enlarge
testuggine palustre Emys orbicularis
© A.Vorauer WWF CANON Enlarge