Coto Doñana, sito Unesco in pericolo | WWF Italy

Coto Doñana, sito Unesco in pericolo

Notizie pubblicate su 01 December 2016
Fenicotteri a Coto Doñana, Andalusia, Spagna
© WWF
Coto Doñana, l'area umida spagnola che ospita ogni anno 6 milioni di uccelli migratori, sta per diventare il primo sito dell'Unione Europea inserito nella lista del Patrimonio mondiale dell'Umanità Unesco a rischio. Scade infatti oggi l'ultimatum posto dalla stessa Unesco alla Spagna, che dovrà dimostrare con i fatti che Coto Doñana non merita di entrare nella "black list".

Secondo una valutazione del WWF, il governo del paese non è riuscito a cancellare il distruttivo dragaggio del fiume Guadalquivir, vera e propria spina dorsale del Parco Nazionale di Doñana, come richiesto dal Comitato del Patrimonio Mondiale dell'Unesco. Lo stesso comitato ha invitato il governo spagnolo a rinunciare al progetto e anche a futuri piani di approfondimento che riguardano il Guadalquivir, o Doñana si troverebbe ad affrontare la vergogna di essere inserita nello status di "endangered", in pericolo.

Il governo, inoltre, non ha affrontato nessuna delle altri principali minacce che insistono per quest'area dalla straordinaria biodiversità, compreso l'uso insostenibile e illegale della risorsa idrica in agricoltura, l'estrazione mineraria e le operazioni legate al gas naturale. Il governo della regione spagnola dell'Andalusia, dove si trova Doñana, ha fatto davvero troppo poco per diminuire questi impatti, accusa il WWF.

"Per troppo tempo la scienza e le autorità spagnole hanno ignorato gli obblighi dei trattati internazionali. Il governo spagnolo ha disatteso le normative UE e ignorato le rischieste dell'opinione pubblica", ha detto Juan Carlos del Olmo, Direttore generale del WWF-Spagna. "Il governo spagnolo ha avuto tutto il tempo per agire, ora il suo tempo è scaduto. Il Comitato del Patrimonio Mondiale dell'Unesco avrebbe tutti i motivi per iscrivere Doñana nella Lista del patrimonio mondiale in pericolo ",
Il WWF stima la presenza di oltre 1.000 pozzi autorizzati, 1.700 impianti di irrigazione e 3.000 ettari di allevamenti illegali che stanno rubando l'acqua di Doñana. Oltre a seccarsi, la zona umida sta diventando sempre più inquinata e infestata da specie invasive di piante e pesci. In questa situazione le popolazioni di uccelli rari e di altri animali protetti sono in declino. Il WWF è preoccupato anche per i piani di una società messicana che vorrebbe riaprire una vecchia miniera che nel 1998 causò un incidente gravissimo, con migliaia di pesci morti, e per la cui bonifica furono necessari 380 milioni di Euro.
  1. Doñana è una delle più importanti zone umide d'Europa. Il sito ospita oltre 4.000 specie di piante e animali, compresi uccelli minacciati e il felino più raro al mondo, la lince iberica. Oltre al suo valore ambientale, il parco offre servizi essenziali per il benessere di circa 200.000 residenti, grazie alla pesca, l'agricoltura, la ricerca scientifica e l'ecoturismo.
Fenicotteri a Coto Doñana, Andalusia, Spagna
© WWF Enlarge
Le "pagelle" date dal WWF alle azioni messe in atto dal governo nazionale e quello regionale dell'Andalusia per Coto Donana: come si vede, sono largamente insufficienti
© WWF-Intl Enlarge