Ferito in un agguato il direttore del Parco Virunga | WWF Italy

Ferito in un agguato il direttore del Parco Virunga

Notizie pubblicate su 16 April 2014   |  
Emmanuel de Merode
© Photograph courtesy of Brent Stirton/Getty Images
Emmanuel de Merode, il direttore del Parco Nazionale Virunga, nella Repubblica Democratica del Congo, è stato colpito ieri con armi da fuoco durante un agguato, secondo quanto riportato dal sito ufficiale del Parco

ULTIM'ORA

Emmanuel de Merode sta meglio, e sul sito del Parco ringrazia tutti coloro che si sono adoperati per salvargli la vita, ricordando le tante guardie che sono state vittime di attentati negli ultimi anni: "Non vedo l'ora di riprendere a lavorare" Leggi il messaggio integrale di de Merode dal sito del Parco Virunga

--
A quanto risulta è stato attaccato durante il viaggio di ritorno dalla città di Goma al quartier generale del Parco, ma al momento non sono stati forniti altri dettagli.

Emmanuel ha consacrato la sua vita di conservazionista a proteggere ogni giorno il Parco Nazionale Virunga e con esso tutte le guardie che vi lavorano, le specie a rischio e le popolazioni locali il cui sostentamento dipende dal parco stesso – ha dichiarato Lasse Gustavsson, Direttore Conservazione del WWF Internazionale – Conosco bene quanto Emmanuel ami questo Parco. La sua figura rappresenta una fonte di ispirazione per tutti coloro che gli sono vicini e mi auguro che sia al più presto fuori pericolo”.
 


Il Parco Nazionale Virunga
è l’area protetta più antica del continente africano: fondato nel 1925 è stato nominato Patrimonio dell’Umanità – UNESCO e sito di importanza internazionale come area Ramsar. E’ un vero e proprio scrigno di biodiversità ed è uno dei quattro parchi al mondo ad ospitare una specie estremamente minacciata, il gorilla di montagna, di cui rimangono appena 880 individui in natura. Il Virunga  ha riaperto solo di recente l’accesso alle aree abitate dai gorilla, dopo averle chiuse durante i conflitti avvenuti nell’est del paese.

Commenti

blog comments powered by Disqus