La Ragioneria di Stato boccia la riforma della legge sui parchi | WWF Italy

La Ragioneria di Stato boccia la riforma della legge sui parchi



Notizie pubblicate su 03 August 2017
Palazzo Madama sede del Senato
© CC BY SA 2.5 Saliko

Le 13 Associazioni: “Ora fermate quella legge contraddittoria e ragioniamo su una riforma che migliori seriamente il sisterma"


La bocciatura da parte della Ragioneria Generale dello Stato della riforma della Legge quadro sulle aree protette non ci sorprende. Quello approdato in terza lettura al Senato è un provvedimento scritto in modo contraddittorio che se da un lato interviene solo parzialmente sulle criticità delle aree protette italiane, dall’altro sposta equilibri istituzionali delicatissimi, facendo arretrare le competenze dello Stato rispetto a quelle degli Enti Locali e agli interessi che li governano. Le osservazioni della Ragioneria Generale aggravano il quadro critico più volte delineato dalle associazioni ambientaliste e da moltissimi esperti e accademici. Infatti dalla relazione inviata dalla Ragioneria di Stato al Governo emergono importanti falle anche dal punto di vista economico finanziario: da qui la richiesta della Ragioneria di porre una serie di correttivi, indicati per altro nella relazione, che certo scompiglia i piani di chi chiedeva un’approvazione del testo senza modifiche.
All’inizio della scorsa settimana 13 associazioni (Accademia Kronos, CTS, ENPA, Gruppo di Intervento Giuridico, Italia Nostra, LAV, LIPU, Marevivo, Mountain Wilderness, Pro Natura, Rangers D’Italia, Sigea, WWF) avevano inviato a tutti i senatori una serie di osservazioni accompagnate dai relativi  emendamenti per correggere un provvedimento che introduce principi pericolosi nella governance delle aree protette e nello spostamento del ruolo di queste più proiettato a divenire enti di promozione economico sociale (funzione che notoriamente appartiene già ad altre istituzioni) che non a consolidare la funzione di tutela a cui, poi, può essere connessa la funzione di valorizzazione del territorio e delle ricchezze naturalistiche che giustificano l’inserimento tra le aree protette. È da evidenziare come alcune delle contestazioni che la Ragioneria Generale dello Stato ha rivolto al provvedimento, ad esempio quella sulle royalties, coincidano con quelle che le associazioni, inascoltate, hanno rivolto ad una legge che va profondamente cambiata. È venuto il momento di fermare questa legge e di ragionare su una riforma che migliori seriamente il sistema.

Il presente comunicato è sottoscritto da Accademia Kronos, CTS, ENPA, Gruppo di Intervento Giuridico, Italia Nostra, LAV, LIPU, Marevivo, Mountain Wilderness, Pro Natura, Rangers D’Italia, Sigea, WWF le 13 associazioni che avevano inviato la scorsa settimana a tutti i senatori una serie di osservazioni e un pacchetto di emendamenti sulla riforma della Legge Quadro sulle Aree Protette.
Palazzo Madama sede del Senato
© CC BY SA 2.5 Saliko Enlarge
banner legge parchi
© wwf italia Enlarge
parchi
parchi
© wwf italia Enlarge