A Bologna la sfida delle citta' resilienti | WWF Italy

A Bologna la sfida delle citta' resilienti

Notizie pubblicate su 14 November 2017
pandini, bologna, g7
pandini, bologna, g7
© chiara bacchelli

Il prossimo 18 novembre a Bologna (ore 9,30) nella sala della Cappella Fernese a Palazzo D’Accursio (Piazza Maggiore, 6) si svolgerà “Cambiamenti climatici: la sfida delle città resilienti”, un momento di riflessione sul rapporto tra città e cambiamenti climatici organizzato dal WWF con il patrocinio del Comune di Bologna.

Il 2016 è stato l’anno più caldo dall’epoca pre-industriale. Entro il 2020 l’80% della popolazione europea risiederà nelle aree urbane. Nei territori urbanizzati, dove è stata modificata nel tempo radicalmente la morfologia naturale dei luoghi e dove la cementificazione e l’edificazione incidono pesantemente sulla permeabilità, duttilità e resilienza dei sistemi naturali, vengono amplificati gli effetti dei cambiamenti climatici.
Quindi, sono proprio le aree urbane al centro della sfida che le istituzioni e le popolazioni, con il supporto del mondo della ricerca e della scienza, devono affrontare nel predisporre Piani d’azione locali e individuare priorità di intervento efficaci e immediatamente attuabili per l’adattamento ai cambiamenti climatici, per affrontare una situazione globale e nazionale che vede l’alternanza di fenomeni estremi siccitosi e alluvionali. “Cambiamenti climatici: la sfida delle città resilienti”, sarà l’occasione di approfondire e discutere sul futuro delle nostre città e sulla loro capacità di adattarsi per affrontare il nuovo scenario climatico che avrà influenze sempre maggiori sulla salute, sul benessere e sulla qualità della vita di chi ci abita.
_____

Programma del convegno nazionale
Cambiamenti climatici: la sfida delle città resilienti
Bologna, 18 novembre 2017 – ore 9.30 – 13.30
Sala della Cappella Farnese – Palazzo D’Accursio
 
Ore 9.00 – 9.30 – Registrazione partecipanti
 
Ore 9.30 - Saluto introduttivo
Valentina Orioli – assessore all’Urbanistica e all’Ambiente Comune di Bologna
 
Ore 9.45 - Save the humans: la sfida dei cambiamenti climatici
Donatella Bianchi – presidente WWF Italia
 
Ore 10.00 - Un nuovo rapporto della EEA: L’adattamento climatico e la riduzione del rischio di disastri in Europa
Sergio Castellari – EEA
 
Ore 10.15 - Scenari del cambiamento climatico in Italia: gli esiti delle ricerche più recenti
Paola Mercogliano - Direttore della Divisione Regional Model and geo-Hydrological Impacts – CMCC e responsabile del Laboratorio di meteorologia del Centro di Ricerche Aerospaziale - CIRA
 
Ore 10.30 - Risposte adeguate al rischio meteo idro-geologico
Carlo Cacciamani – responsabile del Centro Funzionale Centrale per la gestione del Rischio meteo idro geologico Dipartimento della Protezione Civile
 
Ore 10.45 - Esperienze di Bologna in materia di adattamento urbano
Giovanni Fini  – assessorato all’Urbanistica e all’Ambiente Comune di Bologna
 
Ore 11.00 – Azioni integrate per l’adattamento su scala urbana
Marco Granelli – Assessore Mobilità e Ambiente Comune di Milano
 
 
Ore 11.15 - I percorsi in atto di Padova Resiliente
Chiara Gallani – Assessore Ambiente Comune di Padova
 
Ore 11.30 - Dati base e metodologie di riferimento per l’adattamento climatico a livello urbano
Domenico Gaudioso - ISPRA
 
Ore 11.45 - La proposte del WWF per l’adattamento climatico degli insediamenti urbani
Andrea Filpa –  WWF Italia, Università degli studi Roma Tre
 
Ore 12.00 - Tavola rotonda
Adattamento ai cambiamenti climatici - confronto sulle priorità di intervento per una azione integrata
 
Coordina il confronto:
Daniele Pernigotti – giornalista free-lance e consulente ambientale sui cambiamenti climatici
 
Interventi di:
 
Adriana Nepote – Assessore Comune di Mantova – Presidente Coordinamento Agende XXI locali
Marco Giubilini - rappresentante ANCI
Erasmo D’Angelis – Struttura di Missione Italia Sicura – Autorità Distretto Idrografico Italia Centrale
Alessandro Balducci –  Esperto della Struttura di Missione Progetto Casa Italia – Politecnico di Milano
Gian Luca Galletti – Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.*
 
*in attesa di conferma