No ai test pre trivellazioni nel Virunga | WWF Italy

No ai test pre trivellazioni nel Virunga

Notizie pubblicate su 24 April 2014
Barche di pescatori nei pressi di un villaggio nel lago Edward, Parco dei Virunga
© Brent Stirton / Reportage by Getty Images / WWF -
A dispetto delle proteste locali e dell'opposizione internazionale la società britannica Soco International PLC inizierà il sabato la fase di test sismico che precede il suo controverso progetto di esplorazione petrolifera nel Parco Nazionale del Virunga , secondo quanto si apprende  dai media .

I residenti che vivono vicino al parco nella Repubblica democratica del Congo ( RDC) dicono che alcune parti del lago Edward saranno chiuse alla pesca, mentre la Soco farà le ricerche petrolifere e se verranno trovati idrocarburi la società intende perforare pozzi di estrazione nel lago .

"Il WWF condanna duramente le inaccettabili operazioni della Soco nel Parco Nazionale di Virunga. È irresponsabile da parte della Soco disconoscere le leggi nazionali e internazionali che proteggono questo Patrimonio dell'Umanità. L'azienda sta mettendo a rischio la sopravvivenza di migliaia di persone il cui futuro dipende dalle risorse naturali del luogo" ha dichiarato Isabella Pratesi, responsabile Programma Internazionale di Conservazione del WWF Italia. 

La pesca nel lago Edward genera una cifra stimata di circa 30 milioni di dollari  all'anno a beneficio della comunità locale  che vive nei pressi del Parco Nazionale Virunga e inoltre, secondo un'analisi indipendente commissionata dal WWF   oltre 50.000 famiglie si affidano al lago per il loro approvvigionamento di acqua dolce.

Oltre alla perdita di posti di lavoro nel settore della pesca una valutazione di impatto ambientale relativa alle attività della Soco, indica che le perforazioni esplorative e l’estrazione del petrolio potrebbero portare ad inquinamento atmosferico, malattie polmonari , contaminazione delle acque, ingresso di specie invasive e la perdita di habitat nel fragile ecosistema del Virunga.
Dopo essere stato informati sui test sismici da parte della Soco gruppi della società civile hanno scritto una lettera aperta dicendo: " Noi crediamo che l'esplorazione di petrolio portato poterà ad un nuovo e inaccettabile livello di rischio per l'ambiente e le comunità di Virunga . "

Il Foreign Office britannico ha fatto eco alle preoccupazioni locali  riaffermando la sua opposizione all'attività di Soco nel Virunga a cui si è unita l’obiezione del Comitato del Patrimonio Mondiale UNESCO insieme a più Stati membri e rappresentanti dell'Unione europea.

" I pescatori, agricoltori e imprenditori locali che dipendono dal Virunga si oppongono con veemenza alla presenza di Soco nel loro parco ", ha detto Isabella pratesi . " il Virunga potrebbe essere una fonte di speranza per la orientale Repubblica democratica del Congo se la pesca , l’energia idroelettrica e il potenziale ecoturismo fossero  sviluppati in modo sostenibile, senza interferenza delle grandi multinazionali del petrolio. Alla Soco non dovrebbe essere consentito minacciare il futuro di questo parco insostituibile, vero e proprio patrimonio dell’umanità. Come società quotata in borsa la Soco è responsabile verso i suoi azionisti. Invitiamo gli investitori ad opporsi alle attività della SOCOnel parco nazionale più antico e più ricco di biodiversità dell'Africa " , ha detto Pratesi .


Negli ultimi mesi le proteste da parte di esponenti della società civile hanno mostrato una ferma opposizione alle operazioni della Soco mentre alcuni di essi hanno riportato minacce e intimidazioni a seguito delle dichiarazioni rilasciate contro le attività petrolifere. Oltre 670.000 persone in tutto il mondo hanno sottoscritto fino ad ora la Petizione del WWF contro le esplorazioni petrolifere della Soco nel Parco Nazionale Virunga. Il Parco  è anche patrimonio dell’UNESCO e racchiude specie animali e vegetali estremamente rare, compresi  i 200 esemplari degli 800 Gorilla di montagna ancora superstiti in tutta l’Africa. Il pesante inquinamento provocato dalle attività petrolifere distruggerebbe questo habitat fragile e contaminerebbe l’aria, l’acqua e il suolo.

Barche di pescatori nei pressi di un villaggio nel lago Edward, Parco dei Virunga
© Brent Stirton / Reportage by Getty Images / WWF - Enlarge