Ora la pesca nel Mediteraneo ha un futuro | WWF Italy

Ora la pesca nel Mediteraneo ha un futuro

Notizie pubblicate su 21 May 2014
Demetres Karavellas (sin), Leader WWF Mediterranean Initiative, e Abdellah Srour, Executive Secretary GFCM, sugellano il Protocollo d'intesa
© FAO Giulio Napolitano
Il WWF accoglie con favore la riforma che la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (CGPM)  ha deciso oggi  e si  congratula con la Commissione per  l'adozione di un nuovo quadro operativo.
Questa riforma  è un passo importante per conseguire la sostenibilità delle attività di pesca nel Mediterraneo preservando la biodiversità e la funzionalità degli ecosistemi marini.
I grandi sforzi intrapresi dal segretariato della CGPM nel corso degli ultimi 3 anni  hanno dato i loro frutti.
 
Con uno stato di conservazione allarmante di quasi il 90% degli stock ittici del Mediterraneo sovra sfruttati secondo le  valutazioni del comitato scientifico della Commissione, questo processo di riforma era l'ultima possibilità per affrontare la drammatica situazione del Mediterraneo e della pesca .
Alla riunione CGPM attualmente in corso a Roma, le Parti contraenti (Ue, Albania, Algeria, Bulgaria, Croazia, Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Italia, Giappone, Libano, Libia, Malta, Monaco, Montenegro, Marocco, Romania, Slovenia, Spagna, Siria, Tunisia e Turchia) hanno adottato un nuovo accordo che se tradotto in azioni concrete potrebbe indirizzare l'attività di pesca in Mediterraneo su un percorso più sostenibile .

Il nuovo accordo definisce chiari obiettivi di conservazione e i mezzi per raggiungerli.

Tra i principali passaggi accolti con favore dal WWF :
- Gli stock ittici devono essere ripristinati e mantenuti al di sopra dei livelli in grado di produrre il rendimento massimo sostenibile
- I piani di gestione devono essere basati su un approccio ecosistemico alla pesca e devono fare uso delle migliori conoscenze scientifiche disponibili come meccanismo per garantire la sostenibilità di ogni attività di pesca
- La CGPM deve adottare formalmente le zone di restrizione per la pesca ( FRA ) per la protezione degli ecosistemi marini vulnerabili e degli habitat essenziali per il pesce , insieme a misure volte a garantire parità di condizioni nella realizzazione degli obiettivi di conservazione , il rispetto delle norme della CGPM , la trasparenza e la partecipazione aperta di tutte le parti interessate .
 
La pesca nel Mediterraneo ha un forte impatto sociale ed economico sulle comunità costiere e ha tradizionalmente rappresentato una fondamentale fonte di proteine animali per l'intera regione .

"Il WWF è stato molto favorevole al processo di riforma  a cui abbiamo contribuito in modo proattivo ; ora siamo impegnati a rafforzare il nostro impegno responsabile con il CGPM in questo momento critico ed emozionante " , ha dichiarato Marco Costantini responsabile mare WWF Italia.

Durante l'incontro il WWF ha firmato un memorandum d'intesa con il CGPM , al fine di rafforzare la duratura e fruttuosa cooperazione già in corso.

" Il protocollo d'intesa consentirà al WWF di contribuire al conseguimento degli obiettivi dell'accordo CGPM recentemente adottato attraverso specifiche linee di azione. Lo stato critico della pesca nel Mediterraneo richiede che si lavori tutti insieme per garantire un futuro più sostenibile per questa regione e per le condizioni di vita di milioni di persone che da essa dipendono  ", ha aggiunto Costantini.

‘La pesca in Italia non può, quindi, essere vista come un fenomeno legato unicamente alle nostre coste. I pesci migrano nell'intero bacino mediterraneo. Una corretta gestione della pesca non può prescindere da uno sguardo che si allarga a tutto il Mediterraneo. L'accordo di oggi sottolinea ancora una volta la volontà di WWF di volere essere parte della risoluzione dei problemi che affliggono il nostro mare" ha concluso Costantini. 

Demetres Karavellas (sin), Leader WWF Mediterranean Initiative, e Abdellah Srour, Executive Secretary GFCM, sugellano il Protocollo d'intesa
© FAO Giulio Napolitano Enlarge
Per una pesca sostenibile
© WWF EU Enlarge