Gestione sostenibile delle risorse | WWF Italy

Gestione sostenibile delle risorse

© wwf italia

La “Market Transformation” è un'iniziativa promossa a livello internazionale da WWF, con l’obiettivo di orientare i modelli di produzione e approvvigionamento delle risorse naturali e contribuire alla creazione di una domanda di prodotti con minor impatto ambientale.
WWF sviluppa progetti con imprese, istituzioni e NGO per modificare il modo in cui le risorse sono prodotte, lavorate, consumate e finanziate a livello internazionale, grazie all’analisi della catena di fornitura, l’individuazione delle aree di miglioramento e il monitoraggio.

Modificare il modo in cui le risorse sono prodotte, lavorate, consumate e finanziate, principalmente attraverso:

 

Multi-Stakeholder Engagement: sviluppo di standard di sostenibilità per i mercati e di schemi di certificazione attraverso multi-stakeholder initiatives che riuniscono produttori, trade e NGO.

​Corporate Engagement: sviluppo di partenariati con aziende, al fine di orientare le politiche di produzione, gestione e approvvigionamento delle risorse naturali, con l’obiettivo di costruire best practice di settore.

​Finance: promozione di investimenti responsabili, attraverso la collaborazione con grandi istituzioni finanziarie e assicurative.

L’azione del WWF


Ci concentriamo sui settori a maggiore impatto e sulla grande distribuzione, analizzando prodotti e catene di fornitura relativi a prodotti forestali, agricoltura e bioenergia, prodotti ittici.
 
Il percorso che WWF propone alle aziende prevede:

• Analisi della politiche di approvvigionamento della catena di fornitura;

• Individuazione delle aree di miglioramento;

• Proposta di una strategia d’indirizzo della sourcing policy;

• Implementazione e monitoraggio dei risultati raggiunti.

Le risorse

Il WWF ITALIA, in collaborazione con il network europeo, lavora per contribuire a ridurre l’impronta del cibo, ossia gli impatti ambientali del settore agroalimentare dalla produzione al piatto, con un approccio integrato all’intera catena di approvvigionamento.

One Planet Food è il progetto WWF rivolto a consumatori, istituzioni e aziende dedicato al legame tra ambiente e alimentazione (clima, specie e habitat, risorse naturali, salute, sprechi) che prevede campagne di sensibilizzazione per i consumatori (es. Iniziative speciali sullo spreco alimentare), programmi di riduzione degli impatti di filiere agro-alimentari (attraverso l’analisi degli indicatori di sostenibilità), relazioni con le istituzioni, promozione di eventi e educazione nelle scuole.


WWF e IKEA Italia

Nel 2012 IKEA diviene uno dei partner strategici di “One Planet Food”, scegliendo di inserire all’interno dell’offerta dei ristoranti IKEA Italia, i prodotti biologici “Terre dell’Oasi”, il progetto WWF dedicato alle attività agricole presenti nelle aree protette gestite dall’Associazione.
A questa vanno ad aggiungersi numerose altre iniziative di sensibilizzazione rivolte ai clienti IKEA: dalla doggy bag distribuita nei ristoranti per ridurre gli sprechi alimentari, al Menù Bimbi Ikea, un’opportunità di gioco e intrattenimento insieme a contenuti educativi rivolti ai più piccoli.

Rendere la pesca sostenibile è una priorità per il WWF: lo sforzo eccessivo di pesca è infatti la prima causa alla base della perdita di biodiversità marina ed è quindi necessaria la ricerca di un dialogo costante con il mondo della pesca.
WWF ha raggiunto l’importante risultato di condividere con le maggiori associazioni, cooperative di pescatori ed aziende del settore, la necessità di rendere maggiormente sostenibile la pesca e di debellare la pesca illegale, lavorando attivamente per diminuire l’impatto ambientale ed elevare gli standard di gestione delle risorse ittiche, grazie alla certificazione MSC, garantendo tracciabilità, sostenibilità e competitività del prodotto sul mercato.
WWF propone dunque alle imprese di riorientare le proprie politiche di approvvigionamento, con l’obiettivo di incrementare i prodotti ittici certificati MSC e di contribuire alla sensibilizzazione del grande pubblico sul consumo consapevole di pescato.

Il Progetto Fish Forward

Nel 2015 WWF ha avviato Fish Forward, un progetto triennale che coinvolge 11 Stati dell’Unione europea, nato per aumentare la consapevolezza dei consumatori sulle possibili conseguenze ecologiche e sociali del consumo di pesce.
Attraverso scelte d’acquisto responsabili e l’offerta di prodotti certificati, in Europa i consumatori e il settore ittico possono rendere possibile il recupero di stock ittici sotto pressione, dando cosi un contributo a un’economia globale più responsabile e garantendo un futuro a milioni di persone la cui esistenza dipende dalla pesca.

Legno e carta: La produzione di legno e carta comporta alcuni tra i più importanti impatti ambientali che colpiscono il pianeta: deforestazione, taglio illegale e sviluppo irresponsabile di piantagioni minacciano aree prioritarie quali Amazzonia, Pantanal, Borneo, Sumatra, area del Mekong. WWF Italia lavora per promuovere il valore delle foreste e della Sustainable Forestry, con programmi e strumenti rivolti a imprese e grande pubblico per accrescere l’interesse e l’impegno su temi quali lo stato delle foreste, la necessità di coniugare sviluppo e conservazione, la gestione responsabile di risorse forestali come legno e carta.
WWF è attivo nel promuovere la gestione sostenibile delle foreste in particolare attraverso la certificazione FSC (Forest Stewardship Council) , che garantisce un controllo su tutta la filiera di produzione e la riduzione degli impatti ambientali e sociali che da essa derivano.

WWF Italia e FSC Italia

Nel 2016 il Forest Stewardship Council® (FSC) Italia e WWF Italia rafforzano una collaborazione nata nel 2005, anno in cui WWF diviene socio di FSC Italia, per promuovere sempre più la conoscenza e la diffusione della certificazione di gestione forestale responsabile, informando aziende e consumatori.
Obiettivo dell’accordo è valorizzare la certificazione FSC come elemento portante negli strumenti di programmazione nel settore forestale, a livello nazionale e regionale, concorrendo alla definizione degli Standard nazionali di gestione forestale responsabile, sia nel settore pubblico che in quello privato.

L'olio di palma è l'olio vegetale più usato sulla Terra, la cui domanda è in continua e rapida crescita. Per ridurne l'impatto ambientale, l'industria dell'olio di palma ha già intrapreso un cambiamento, con sempre più aziende impegnate per un olio di palma sostenibile, perché il rischio è di perdere le foreste tra le più preziose al mondo, tra cui Sumatra, il cuore del Borneo, e del bacino del Congo.

Oggi, attraverso la Tavola Rotonda sull'olio di palma sostenibile (RSPO) qualsiasi azienda può contribuire a rendere l'olio di palma più sostenibile, applicando migliori pratiche di gestione che possano garantire benefici economici e sociali senza minacciare la biodiversità, applicando criteri rigorosi in ogni fase di produzione.
Il WWF lavora su diversi fronti per trasformare e incrementare la sostenibilità del settore dell’olio di palma, tra cui:

• Definire, attuare e promuovere le migliori pratiche per la produzione di olio di palma sostenibile attraverso la Tavola Rotonda sull'olio di palma sostenibile (RSPO);

• Incoraggiare le imprese a utilizzare olio di palma sostenibile certificato nei prodotti che realizzano e vendono;

• Eliminare gli incentivi per la produzione di olio di palma che portano alla distruzione delle foreste.

 
OBIETTIVI WWF: 

• 2020: il 50% dell’olio di palma acquistato è certificato RSPO
STATO DELL’ARTE; 
• 20% della produzione di olio di palma globale è certificato RSPO (Febbraio 2016).
 
Info aggiuntive dal WWF Internazionale