Visita l'Oasi | WWF Italy

Visita l'Oasi


Visualizzazione ingrandita della mappa

Gli uffici (presso il Centro visite in Località Brecciaio) in inverno sono aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13.
Per visite guidate e scolaresche tutti i giorni, su prenotazione.

Ingresso Oasi
Località Brecciaio 2, 66037 S. Eusanio del Sangro (Ch)

Contatti
Riserva Regionale Lago di Serranella
c/o Municipio
Via Frentana 1
66043 Casoli (Ch)

Telefono: 0872/50357
E-mail: serranella@wwf.it
 

COME ARRIVARE

In auto e in pulmann
Dall'autostrada A14 Bologna-Bari si esce al casello Val di Sangro e si prosegue lungo la fondovalle Sangro in direzione Castel di Sangro fino all'uscita Lanciano.
Da qui dopo circa 1 km, si svolta a sinistra sulla strada provinciale verso Casoli. Dopo 4 km superato l'abitato della frazione di Brecciaio di Sant'Eusanio del Sangro, alla fine di un rettilineo in leggera salita sulla sinistra, indicato con segnaletica, è situato l'ingresso principale e il Centro Visite/CEA dell'Oasi.

Con i mezzi pubblici
Con i treni della Sangritana (linea Pescara-Lanciano-Castel di Sangro, www.sangritana.it) fermandosi alla stazione più vicina di Piane d'Archi (circa 5 km). In autobus con le linee che collegano Lanciano a Casoli, fermata in località Brecciaio.

AREE PIC-NIC E SOSTA
Su entrambi i lati dell'invaso, in prossimità del Centro Visite in Località Brecciaio di Sant'Eusanio del Sangro e del parcheggio in contrada Scosse, nel Comune di Altino, sono localizzate aree attrezzate con i tavoli e panche per pic-nic o semplicemente per riposarsi. 

Attività

La Riserva è aperta tutto l'anno. Le visite guidate si effettuano nei giorni feriali e festivi su prenotazione, nella mattinata e nel pomeriggio. Si raccomanda, in particolare per le scuole ed i gruppi, di prenotare in anticipo presso gli uffici dell'Oasi. I programmi didattici specifici vengono annualmente inseriti nel catalogo dell'offerta dei CEA inviati a tutte le scuole della regione e sono consultabili nel sito www.ceaserranella.it

AREE FLORO-FAUNISTICHE ED AMBIENTE RURALE

Nei pressi del Centro visite sono situate le aree faunistiche delle testuggini terrestri e palustri e l'area faunistica delle anatre con funzioni educative. E' in fase di realizzazione un orto botanico con le specie vegetali più rappresentative degli ambienti mediterranei ed acquatici ed una sezione dedicata alle varietà locali arboree, il giardino di Pomona. Vicino ai bordi dell'invaso è stato ricostruito un ambiente rurale con un pagliaio , un piccolo vivaio, l'orto medioevale, il semenzaio e la rola. Nella stessa area vengono annualmente messi a coltivare orti didattici ad opera delle scuole.

PERCORSI DELL'OASI

Percorso del greto
Situato sulla sinistra dell'invaso parte dal Centro visite, scende sotto la traversa consentendo di osservare il Centro Testudo e le aree faunistiche. Conduce infine al Sangro che riprende il suo corso dopo aver formato l'invaso. E' un percorso natura dove vengono svolte per lo più attività didattiche con i ragazzi anche perchè permette l'osservazione dell'habitat tipico di un greto fluviale.

Percorso degli orti
Il sentiero si diparte in contrada Guarenna, nel territorio di Casoli in prossimità della chiesa di San Francesco. E' un percorso di interesse paesaggistico e culturale che permette di osservare da vicino l'antico sistema degli orti legati all'ambiente fluviale e l'area protetta nel suo punto panoramico più alto, per poi ricondurre al Centro visite.

Percorso dei fiumi
Permette di osservare da vicino ambienti, vegetazione e fauna di uno degli angoli più interessanti dell'Oasi, esattamente alla confluenza dei fiumi Aventino e Sangro, nel territorio di Altino, arrivando da contrada Selva. Negli orari migliori consente l'osservazione, anche ravvicinata dell'avifauna acquatica.

Percorso delle lanche
Si sviluppa sul lato destro dell'invaso con partenza dal parcheggio situato in contrada Scosse di Altino e attraversa l'area che negli ultimi anni è stata interessata da grandi progetti di restauro ambientale che hanno ricreato l'antico paesaggio fluviale. E' un percorso di suggestiva bellezza naturalistica , paesaggistica, arricchito dagli interventi di artisti contemporanei.

Percorso del Gogna
Un lungo itinerario che, a partire dall'innesto con il Percorso degli orti, risale la valle del torrente Gogna fin quasi al centro abitato di Sant'Eusanio del Sangro. L'area è caratterizzata da un 'ampia piana , dove il torrente forma numerosi meandri ricoperti da una rigogliosa vegetazione, impreziosita dalla presenza di piante rare come la farnia.

Nei dintorni

Il centro storico di Casoli e il suo castello medioevale, la Lecceta di Casoli, l’osservatorio della Torretta e il Lago di S. Angelo, il castello di Roccascalegna, l’Oasi Abetina di Rosello, le Cascate del Verde, il Lago di Bomba, il versante orientale della Majella (con le suggestive Gole di Fara S. Martino), il centro storico di Guardiagrele,
la Riserva Naturale Regionale "Lecceta di Torino di Sangro".

Mangiare e dormire

- Per mangiare: ristorante “La Taverna” sul Lago di Casoli in Contrada “Torretta” (prodotti locali biologici e atmosfera familiare), ristorante “Zappacosta” a Piane d’Archi, cucina tipica abruzzese, ristorante “Flamengo” (loc. Guarenna di Casoli), Ristorante Il vecchio mulino" e "Il bosco
delle meraviglie" a Selva di Altino e il ristorante "River" a Sant'Eusanio del Sangro

- Per dormire: Hotel Aurora a Selva di Altino.
Agriturismi: Il Casino di Caprafico (Guardiagrele), azienda agricola nel suggestivo scenario della Majella e Il Nespolo a Roccascalegna.