Salviamo gli oceani dalla plastica | WWF Italy

Salviamo gli oceani dalla plastica

8 milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno nei mari del mondo e, entro il 2050, potrebbe esserci più plastica in mare che pesci.

Plastica in Mare

Il 95% dei rifiuti del  Mar Mediterraneo è composto da plastica, con impatti devastanti su specie e habitat.

Nel mondo, sono 700 le specie minacciate dalla plastica! 

Nel Mediterraneo sono 134 le specie vittime di ingestione da plastica, tra cui tutte le specie di tartaruga marina, che scambiano i sacchetti di plastica per prede.

Prima che fosse introdotto in Italia nel 2011 il divieto di uso degli shopper per la spesa si usavano 20-25 miliardi di sacchetti di plastica ogni anno (1/4 di quelli europei, equivalenti a 260mila tonnellate di plastica): molti di questi  sono finiti nel nostro mare e sulle spiagge.

Cosa chiediamo alle Istituzioni Italiane:

  • che premano affinché venga alla luce al più presto la Direttiva europea che vieta 10 prodotti di plastica monouso;

  • l'introduzione di una cauzione sugli imballaggi di plastica monouso;

  • che vietino l’uso di microplastiche in tutti i beni di consumo e i prodotti plastici non biodegradabili;

  • che finanzino la ricerca e il recupero delle reti da pesca di plastica fantasma, abbandonate in mare.

FIRMA ORA LA PETIZIONE E SALVA GLI OCEANI DALLA PLASTICA

Fai sentire la tua voce: unisciti a noi!

Abbiamo bisogno di agire ora per salvare gli oceani dalla plastica!

Per salvare il Mediterraneo dalla plastica e salvare gli habitat e le specie che lo popolano,  l’Italia deve confermare il suo impegno e fare la sua parte, chiediamo al Governo ed al Parlamento di:

  • fare pressione sulla Commissione Europea perché divenga al più presto realtà la Proposta di Direttiva, annunciata il 28 maggio scorso, che chiede a tutti gli Stati membri di vietare  10 prodotti di plastica monouso (tra cui posate, piatti, cannucce, contenitori per alimenti e bevande), scongiurando un danno ambientale su scala europea di 22 miliardi di euro  e ottenendo risparmi per i consumatori per 6,5 miliardi di euro entro il 2030;

  • Venga introdotta nel nostro Paese una cauzione sugli imballaggi monouso che stimoli i consumatori a riconsegnare i piccoli imballaggi di plastica a circuiti ben congegnati che favoriscano il loro riciclaggio, diminuendo così i rifiuti, con l’obiettivo del 100% di imballaggi in plastica riciclabili o riutilizzabili entro il 2030;

  • Siano messe fuori produzione in Italia le microplastiche da tutti i prodotti (a cominciare dai detergenti) entro il 2025, confermando il divieto delle microplastiche  nei cosmetici dal primo gennaio 2020, stabilito dalla Legge di Bilancio 2018;

  • Siano finanziati il censimento degli attrezzi da pesca "fantasma", cioè dispersi in mare, e il loro recupero e il corretto smaltimento in adeguate strutture portuali.

Firma anche tu il nostro appello!

L'inquinamento da plastica è un problema globale causato dall'eccessivo consumo di plastiche e da una cattiva o mancata gestione dei rifiuti.

L'Europa è il secondo produttore di plastica al mondo e solo in Italia ogni anno si consumano solo di imballaggi  2,1 milioni di tonnellate di plastica.

L’Italia ha vietato l’utilizzo di shopper di plastica per la spesa dal primo gennaio 2011, dall’inizio del 2018 ha vietato l’uso di sacchetti di plastica per  gli alimenti, dal  primo gennaio 2019 sarà vietato l’uso di cotton fioc non biodegradabili e dal primo gennaio 2020 l’uso di microplastiche nei cosmetici.

Ma non basta, per salvare le nostre spiagge e i nostri mari serve di più!

 

TURTLE ACTION TEAM

DIFENDI LE TARTARUGHE MARINE

MEDITERRANEO IN TRAPPOLA

Come salvare il mare dalla plastica

SPIAGGE PLASTIC FREE

PARTECIPA AL NOSTRO TOUR

 

Difendiamo insieme il valore del Mare

Generazione Mare

Ultime notizie