©: www.JSGrove.com / WWF

Il cambiamento climatico è provocato dall’aumento dei gas serra in atmosfera: gli scienziati ci dicono che deriva dalle attività umane, in particolare dall’uso dei combustibili fossili. Possiamo farne a meno subito!

Occorre sostituire i combustibili fossili con le fonti rinnovabili, usando meglio energia e materiali.
La transizione verso un mondo a carbonio a zero deve essere rapida per limitare il riscaldamento globale sotto 1.5- 2 °C.

Se continuiamo come oggi, rischiamo un aumento medio della temperatura di 4-6°C.

©: WWF

Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, il 22 giugno, agli Stati Generali sul Clima, ha detto: “Per i prossimi sei mesi il clima è una priorità politica italiana” e “Oggi il nostro nemico è il carbone”.

Contiamo i minuti in attesa di provvedimenti concreti. Per chiudere con il carbone in Italia e per lanciare la decarbonizzazione dell’energia e dell’economia.

Firma la petizione del WWF per chiedere che l’Italia chiuda SUBITO con il carbone
 

 

Chiediamo al Governo di essere coerente:
chiudiamo le centrali a carbone in Italia.

©: WWF

STOP ALLE CENTRALI A CARBONE IN ITALIA

È ormai noto come il carbone sia il combustibile fossile più pericoloso per l'ambiente e la salute, ma le centrali italiane continuano a utilizzarlo. In Europa la combustione del carbone provoca ogni anno 23.300 morti premature (o 250.600 anni di vita persi). Aiutaci a fermare le centrali a carbone!


Ma le centrali italiane continuano a bruciare carbone.
E gli investimenti nelle rinnovabili segnano il passo. Occorre fermare subito tutte le centrali a carbone, a partire da quelle più vecchie, inquinanti e dannose per la salute. Il WWF chiede al Presidente del Consiglio Renzi:

  • Un piano di rapida uscita dal carbone che preveda tappe precise.

  • Standard ambientali davvero efficaci che impediscano agli operatori di privilegiare l’uso delle centrali a carbone che emettono più CO2

DIFENDI IL CLIMA, FIRMA ADESSO

/ / (gg/mm/aaaa)
Ho letto l'informativa sulla privacy
* campo obbligatorio
Condividi