Vota per i Parchi | WWF Italy

Vota per i Parchi

Abbiamo salvato la natura dei parchi nazionali.
Ora proteggiamo ovunque la natura d'Italia. 

Unisciti a noi >>

Vota per i Parchi

Vogliamo la completa e totale istituzione dei Parchi previsti e ancora mancanti e che alle Aree Marine Protette sia riconosciuta la stessa parità di quelle terrestri, con l'istituzione di veri e propri parchi marini.

Nonostate la Legge quadro sulle Aree Protette (L. 341/91) abbia creato un sistema capace di salvaguardare, protegge e promuove territori di inestimabile bellezza e dal grandissimo valore naturalistico e culturale, più volte il Parlamento negli ultimi anni ha tentato di modificare la gestione delle aree protette, lasciando che i parchi diventassero ostaggio di logiche partitocratiche e localistiche. 

Abbiamo salvato i parchi, adesso vogliamo difendere ovunque la natura d'Italia.

Tutti i numeri delle Aree Protette in Italia

In Italia abbiamo 871 aree naturali protette che tutelano  oltre 3.163.000 di ettari a terra ed oltre 2.800.000 di ettari a mare. Un sistema complesso che protegge oltre il 10% del territorio nazionale ed è  costituito tra l’altro da 24 parchi nazionali e 30 aree marine protette, che si è sviluppato grazie alle legge quadro sulle aree protette approvata nel 1991 (L. 394/91). 

Il Sistema delle aree protette (parchi nazionali, regionali, riserve nazionali e regionali e aree marine protette) fa parte in larga parte della Rete Natura 2000 che copre circa il 20% del territorio nazionale.

Rete Natura 2000 si compone di 2613 aree individuate dalle Regioni in applicazione alle Direttive Comunitarie sugli Habitat (n. 92/43/CEE) e per la protezione degli uccelli (n. 2009/147/CEE).

Il sistema della natura protetta italiana vede infine anche un’importantissima zona di protezione a mare per la salvaguardia dei mammiferi marini, si tratta del Santuario Pelagos che si estende per 87.500 km quadrati del Nord Tirreno compresi tra le coste toscane, liguri, del Principato di Monaco, della Francia e comprende la Corsica e la parte Nord sella Sardegna. 

Difendiamo la natura d'Italia

Chiediamo che il sistema dei parchi venga completato con l’istituzione di quelli già previsti ed ancora mancanti (Gennargentu e Golfo di Orosei, Costa Teatina, Egadi, Eolie, Monti Iblei) o per quelle aree (come il Matese) già da tempo individuate come meritevoli di maggiore tutela ed attenzione. 

Chiediamo che venga finalmente realizzato un unico parco nazionale per il Delta del Po e che le aree marine protette abbiano pari dignità di quelle terrestri, con una legge che permetta l’istituzione di veri e propri parchi nazionali marini.  

Vogliamo che Stato e Regioni si impegnino non solo in termini di risorse, ma anche di sviluppo per  creare obiettivi comuni e sinergie tra tutti i soggetti che agiscono sul territorio ed è necessario dare maggiore concretezza alla Strategia Nazionale sulla Biodiversità affinché la natura protetta non sia solo quella nelle aree parco o in quelle Natura 2000. 

Chiediamo inoltre alla Regioni un maggiore sforzo nell’applicazione delle Direttive che regolamentano Rete Natura 2000, il completamento dei Piani Paesaggistici che sono in gran parte ancora in fase di redazione,  e chiediamo a gran voce che anche il nostro Paese possa finalmente avere una vera legge sulla biodiversità che tuteli con maggiore efficacia il patrimonio naturalistico più importante d’Europa.

Le Aree Protette

Cosa abbiamo fatto

Negli ultimi anni il Parlamento ha più volte tentato di modificare la legge quadro sulle aree protette per rafforzare la diretta influenza degli Enti territoriali nella gestione di queste. 

Il sistema delle proposte presentate e discusse, di fatto, attraverso una modifica degli enti gestori e dei criteri di nomina di Presidenti e dirigenti, avrebbe lasciato che i parchi diventassero ostaggio di logiche partitocratiche e localistiche. 

Per questo, assieme ad altre Associazioni e grazie al  supporto di esperti ed esponenti del mondo della cultura, ci siamo battuti perché la proposta di legge non fosse approvata o fosse approvata con una serie di modifiche che purtroppo però non sono state accolte. 

Ovunque in Italia, abbiamo lavorato per la nascita delle aree protette e perché queste fossero guidate da persone scelte secondo criteri ci competenza e capacità, così come da anni portiamo avanti la battaglia per l’estensione del Santuario Pelagos sino a comprendere tutte le coste mediterranee della Francia e un tratto di quelle spagnole includendo le Isole Baleari. 

Inoltre, grazie ad attività di lobby, ci siamo battuti sia a livello europeo che nazionale per impugnare quelle decisioni che, violando le procedure di legge, creavano alterazioni dei sistemi naturali compromettendo la salvaguardia di specie ed habitat prioritari.

Per approfondire

Aree naturali protette >>

Il nostro documento sulle aree protette >>

Natura 2000 >>

Monitoraggio della rete di Natura 2000 >>

Strategia Nazionale per la biodiversità >>

  

UNISCITI A NOI

NON POSSIAMO DIFENDERE LA NATURA SENZA DI TE!

Lottiamo ogni giorno per salvare il futuro del nostro Paese e del nostro Pianeta ma non possiamo farcela senza di te.

Questo è il momento per fare la cosa giusta: DIVENTA SOCIO WWF e costruisci con noi un mondo migliore.

DIVENTA SOCIO

UNISCITI A NOI

DONAZIONE REGOLARE

DIFENDI LA NATURA D'ITALIA

Donazione singola

SOSTIENI LE NOSTRE ATTIVITÀ