For Nature for us - Natale 2020 | WWF Italy

Una sfida immensa ma una grande opportunità

Non può esistere un futuro per noi senza un futuro per il Pianeta.

Da questa urgenza di far comprendere al maggior numero di persone il legame tra la salute dell’ambiente e la salute dell’uomo nasce la nostra iniziativa FOR NATURE FOR US

Come WWF, non solo abbiamo scelto di non fermarci, ma anzi vogliamo aumentare la velocità delle nostre azioni. I prossimi 10 anni saranno decisivi per salvare la Terra e salvarci. 
 

LE AREE DI INTERVENTO

L’impatto delle attività umane sulla Natura negli ultimi 50 anni è equiparabile ad un cataclisma, una rete complessa di distruzione, degrado, sfruttamento. Per contrastare questo scenario è necessario agire in fretta e con un approccio integrato sui principali fronti su cui si giocherà il nostro futuro.

Abbiamo individuato 5 aree di intervento:

DEFORESTAZIONE

Le foreste ospitano più dell’80% della biodiversità terrestre e sono fondamentali per la nostra salute: mitigano gli effetti dei cambiamenti climatici, ci dànno ossigeno, acqua, cibo, medicine. Sono vita per centinaia di migliaia di comunità indigene. Ogni anno però sistemi di agricoltura incontrollati, incendi dolosi e causati dal surriscaldamento globale devastano 18,7 milioni di ettari di foresta, l’equivalente di 27 campi da calcio al minuto. In Australia 3 miliardi di animali sono stati colpiti da incendi nell’ultimo anno e negli ultimi 10 anni l’Amazzonia ha perso una porzione di territorio pari a quella dell’Italia. Una foresta degradata significa perdita di specie animali preziose, oltre ad essere causa di diffusione di virus e delle conseguenti possibili pandemie.

TRAFFICO ILLEGALE DI SPECIE

Il traffico illegale è una delle principali cause di perdita di biodiversità sul Pianeta. Ogni anno centinaia di milioni di animali vengono prelevati dai loro habitat e venduti a peso d’oro in mercati illegali. Il bracconaggio è generato e genera povertà, vive e si alimenta di reti criminali internazionali, produce corruzione e instabilità, guerre e conflitti. I crimini contro la natura sono il 4° principale mercato (dopo traffico di droga, traffico di armi e traffico di esseri umani). Il commercio illegale di specie selvatiche produce un business che può arrivare a circa 23 miliardi di dollari l’anno. Dal 2014 al 2016 i crimini contro la natura hanno avuto una crescita del 26%, ed è in aumento anche il commercio online, favorito da nuove tecnologie.

CAMBIAMENTO CLIMATICO

Quello attuale è il decennio più caldo della storia: la temperatura del Pianeta si è innalzata di 1,1°C e si stima che a 1,5°C il 20-30% delle specie si estinguerebbe. Gli
impatti dei cambiamenti climatici sono particolarmente gravi e veloci nelle regioni polari,
provocando la fusione dei ghiacci con conseguenze su tutto il sistema climatico del Pianeta. Il cambiamento climatico sta già provocando impatti e fenomeni di frequenza e intensità mai visti nella storia umana e con essi sofferenze, perdita di vite, sconvolgimento degli ecosistemi e della ricchezza di biodiversità.

INQUINAMENTO DA PLASTICA

Ogni anno produciamo 396 milioni di tonnellate di plastica, 53 kg per ogni abitante. Solo poco più del 20% della plastica viene riciclato o incenerito, il resto finisce in discarica o direttamente disperso nell’ambiente. Gran parte viene scaricato in mare. La plastica sopravvive fino a 600 anni e in realtà, non scompare mai, si frammenta solo in pezzi più piccoli. Attualmente nei mari sono presenti oltre 150 milioni di tonnellate di plastica che, con la loro presenza, compromettono la sopravvivenza di piante e
animali, compreso l’uomo. Senza un rapido ed efficace cambio di rotta nel 2050 negli oceani ci sarà più plastica che pesce.

LOTTA AI PESTICIDI

Erbicidi, fungicidi e insetticidi sono sostanze usate in maniera massiccia nell’agricoltura industriale. A causa della loro persistenza hanno finito per accumularsi nell’ambiente con gravi effetti tossici per l’uomo e le altre specie. Queste sostanze si ritrovano ormai stabilmente in aria, acqua, suolo e cibo. I pesticidi entrano nella catena alimentare e sono una minaccia per noi, per gli impollinatori e per tanti altri organismi viventi. Secondo l’OMS ogni anno 26 milioni di persone vengono avvelenate dai pesticidi. La popolazione di api si è ridotta del 75% negli ultimi 30 anni a causa dell’uso diffuso di queste sostanze, con effetti drammatici sulla sicurezza alimentare globale.

Lavoriamo ogni giorno per costruire un futuro in cui l'uomo possa vivere in armonia con la natura. 

Il World Wide Fund for Nature (WWF) è la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della natura. Nato nel 1961, è presente nel mondo con 24 organizzazioni nazionali, 5 organizzazioni affiliate e 222 uffici di programma in 96 paesi. 5 milioni di persone in tutto il mondo con il loro aiuto permettono al WWF di sostenere la sua sfida: 1.300 progetti concreti ogni anno per la tutela della biodiversità. In 60 anni di lavoro abbiamo salvato migliaia di esseri viventi, protetto intere aree marine, abbiamo difeso il pianeta e noi stessi. Questo è esattamente il momento in cui dobbiamo agire insieme, unendo gli investimenti, gli sforzi, gli intenti e contrastare concretamente e velocemente il trend anti-evolutivo che stiamo vivendo. Un vento di barbarie sta attraversando il Pianeta. Un’umanità impazzita si scaglia contro i propri simili causando stragi ed esodi biblici. La natura non sfugge a queste mortali aggressioni. Intere regioni, un tempo ricche di biodiversità, vengono rase al suolo, specie animali uniche sono massacrate. Le risorse marine sono saccheggiate e le ricerche petrolifere uccidono i grandi cetacei e ne compromettono gli habitat. Questo ritorno di ferocia belluina in nome del profitto non risparmia neppure il nostro Paese. 

(Fulco Pratesi, 2014) 

WWF E RDS A NATALE CI METTONO IL ❤️



RDS 100% Grandi Successi
è radio partner della campagna
A Natale mettici il cuore” con un progetto di comunicazione promozionale su tutti suoi canali e su RDS Next, l'innovativa social radio per la generazione contemporanea dei millennials e la generazione Z.