Ischia, maxisequestro al campo antibracconaggio WWF | WWF Italy

Ischia, maxisequestro al campo antibracconaggio WWF

Notizie pubblicate su
04 May 2016
Ad una settimana dall'inizio del Campo sull'Isola di Ischia i primi clamorosi risultati dell'attività di prevenzione e repressione del bracconaggio da parte delle Guardie WWF Italia in collaborazione con Carabinieri e Polizia di Stato.
L'Isola di Ischia è un luogo di importanza vitale per gli uccelli migratori e il fenomeno della caccia primaverile, vietata dalla normativa vigente, è sempre presente con l'aggravante dell'utilizzo di armi di provenienza furtiva.
Nel corso di tre distinte operazioni condotte con gli agenti della Polizia di Stato sono stati sequestrati: un fucile con matricola abrasa, un fucile risultato rubato, un fucile privo di matricola pertanto arma clandestina e un altro fucile occultato in una grotta su cui si stanno conducendo indagini per scoprirne la provenienza. Inoltre sequestrate oltre 3.000 cartucce, un centinaio di trappole e persino un chilo e mezzo di marjuana rinvenuta durante la perlustrazione di un'area incolta.
Un uomo è stato arrestato dalla Polizia di Stato per la detenzione di armi rubate e clandestine e altre due persone denunciate a piede libero.

"L'eccezionale risultato delle attività delle Guardie WWF Italia in questi giorni" - sottolinea il Vice Presidente del WWF Italia, Dante Caserta - "sono il frutto della dedizione dei volontari e della loro conoscenza dell'impervio territorio dell'Isola, unita alla professionalità degli appartenenti alle Forze dell'ordine di Ischia. Il successo del Campo WWF permette così un ridimensionamento del fenomeno del bracconaggio, pur sempre grave ma contrastato in maniera efficace".

In vent'anni di attività sono circa ottanta le armi di provenienza furtiva sequestrate sull'Isola grazie all'impegno delle Guardie WWF, a cui aggiungere decine di migliaia di cartucce e migliaia di trappole per la cattura degli uccelli selvatici.
Il Campo che vede anche la collaborazione dell'associazione tedesca CABS proseguirà per tutto il periodo del passo migratorio con servizi costanti svolti con Carabinieri e Polizia di Stato. "Doveroso un ringraziamento al Capitano dell'Arma dei Carabinieri Andrea Centrella e al Vicequestore della Polizia di Stato Alberto Mannelli che hanno reso possibili i così importanti risultati operativi di questi giorni" conclude il Vice Presidente del WWF Italia.