Operazione antibracconaggio in Campania | WWF Italy

Operazione antibracconaggio in Campania

Notizie pubblicate su
30 September 2019
L'operazione condotta dalle Guardie volontarie del WWF in collaborazione con i Carabinieri forestali e i volontari dell'ENPA 
 
Nel fine settimana del 28 e 29 settembre, i Carabinieri Forestali, le Guardie Giurate Volontarie Venatorie e Zoofile del WWF della Provincia di Caserta, Napoli e Salerno e volontari dell’ENPA (in provincia di Caserta), svolgendo attività di vigilanza per il controllo dei fenomeni di bracconaggio e dei reati ai danni dell’ambiente, si sono recati nel territorio di “ Carditello “ nei pressi dell’omonima reggia borbonica), del comune di San Tammaro e nelle aree umide di Villa Literno, nonché di Casalvelino (Sa) e sul Monte Faito (Na). Inoltre mentre le Guardie del WWF di Salerno lavoravano in costiera amalfitana, quelle di Napoli stavano in Penisola Sorrentina.
Sul territorio di caccia, in diversi luoghi (sia di Caserta, sia di Napoli, sia di Salerno) echeggiavano i famigerati richiami elettroacustici. Tale metodo di caccia, illegale e deplorevole, viene praticato per compiere vere e proprie stragi di animali selvatici o per cattura con reti, che sono severamente vietati dalla Legge 157/92 e dalle leggi regionali in materia.
Nel litorale Domizio e nella cosiddetta Maremma liternina e in Penisola Sorrentino/Amalfitana le abitudini a “bracconare” sono ben lontane dall’estinguersi, così come in area Vesuviana.
Tra queste, in primis, l’uso per la caccia dei richiami acustici vietati. I riproduttori elettronici di versi di uccelli hanno il compito di attirare gli uccelli che il cacciatore andrà a sparare all’alba, una volta che gli esemplari di quella specie richiamata si è concentrata in quel luogo. Quindi è facile intuire che con un solo colpo la “rosata” di pallini potrà abbattere diversi uccelli insieme. Un inganno, tra i tanti, alla fauna selvatica che, ancora una volta, ci rimette le penne! 
Dopo diverse indagini e pattugliamenti il gruppo di Carabinieri Forestali e Guardie del WWF, in collaborazione anche con volontari dell’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) all’alba del 28 e 29 settembre, hanno sorpreso e denunciato 2 bracconieri intenti a cacciare in maniera illegale.
In particolare domenica 29 settembre 2019, in periodo di chiusura alle specie acquatiche (la caccia alle specie acquatiche, come il beccaccino e le anatre selvatiche si apre il 2 ottobre 2019), con l’ausilio dei richiami elettroacustici vietati è stato fermato un bracconiere mentre molti altri si sono dati alla fuga. Qui il richiamo elettroacustico riproduceva il verso del beccaccino, di cui è ancora vietata la caccia (si apre il 2 ottobre secondo il calendario venatorio della Campania). A tal punto le Guardie WWF hanno chiesto l’intervento dei Carabinieri Forestali, per far compiere i necessari atti di Polizia Giudiziaria. Quindi si è proceduto al sequestro di un fucile e di decine di cartucce di vario calibro. Il bracconiere è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Napoli Nord di Aversa. Le Guardie Zoofile e Venatorie del WWF, assieme alle Forze dell’Ordine, in particolare con i Carabinieri Forestali, saranno impegnati nei prossimi giorni in ulteriori controlli.