Dopo le parole di Mattarella il governo agisca per affrontare la crisi climatica | WWF Italy

Dopo le parole di Mattarella il governo agisca per affrontare la crisi climatica

Notizie pubblicate su
12 March 2019
“Grazie Presidente”. Così la presidente del WWF Italia, Donatella Bianchi, ha commentato le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che nel suo intervento di oggi ha detto ‘siamo sull’orlo di una crisi climatica’.

“Le parole del presidente Mattarella non possono cadere nel vuoto: ci aspettiamo che da subito il governo assuma i provvedimenti necessari a rendere concreto e spedito il processo di decarbonizzazione dell’Italia permettendoci di rendere concreto quanto previsto dall’accordo di Parigi sul clima e che assuma azioni diplomatiche concrete per rilanciare a livello internazionale il raggiungimento dell’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C  sulle politiche climatiche”.

“Purtroppo nonostante i cambiamenti climatici siano tra le prime preoccupazioni degli italiani, come rivelano tutti i recenti sondaggi, la politica continua ad anteporre le parole alle azioni che, invece, sono urgenti, visto che il tempo a nostra disposizione sta drammaticamente scadendo. Gli ultimi 5 anni sono stati i più caldi mai registrati e gli scienziati continuano lanciare allarmi su una situazione sempre che è sempre più ad alto rischio. L’Italia, come gli altri Paesi europei, sta elaborando il Piano nazionale Integrato Energia Clima, un’occasione preziosa per mettere in campo politiche incisive e concrete, nonché la strategia di decarbonizzazione a lungo termine.

“Le parole del Presidente della Repubblica sono un ulteriore e autorevole segnale di come, ormai, affrontare la crisi climatica sia una priorità nazionale. L’altro grande segnale viene dalla mobilitazione di tante ragazze e tanti ragazzi che il prossimo 15 marzo si mobiliteranno nello ‘Sciopero globale per il futuro’, per prendere in mano il proprio destino e chiedere risposte alle istituzioni riguardo gli obiettivi sul clima stabiliti dall’accordo di Parigi: siamo con loro e con la loro voglia di ‘farsi sentire’ per svegliare i governi che continuano a comportarsi come se i cambiamenti climatici non fossero una emergenza da affrontare oggi. Il WWF li sosterrà con entusiasmo perché loro rappresentano l’energia necessaria per costruire una società, un’economia amica del pianeta”.