A Fiumicino pescatori spazzini del mare | WWF Italy

A Fiumicino pescatori spazzini del mare

Notizie pubblicate su
19 November 2019
In questi giorni sui litorali battuti dal forte maltempo stanno ‘tornando’ tonnellate di rifiuti che le attività umane hanno prodotto e scaricato in mare, una piaga planetaria, quella del rifiuti marini, che per gravità è pari al cambiamento climatico.  A farne le spese sono proprio coloro che del mare vivono, i pescatori. Coadiuvati dal progetto  “Recupero e riciclo del marine litter per un economia circolare” sono stati proprio loro a rimboccarsi le maniche, prima ad Anzio e in questi giorni anche a Fiumicino, per pulire i fondali e riportare a terra il materiale ripescato.  
 
La ‘pesca’ ha prodotto flaconi, cassette, cime e reti abbandonate:  secondo gli ultimi dati ISPRA oltre il 70% dei rifiuti nei nostri mari è depositato nei fondali e di questi il 77% è plastica. Con una speciale APP “Plastica in Rete”, i pescatori stanno anche mappando  i rifiuti presenti nei fondali delle zone di progetto, attività che permetterà di pianificare successive azioni di intervento.
 
Il progetto è  finanziato dalla Regione Lazio con fondi FEAMP e realizzato dal WWF Italia in partenariato con il FLAG Lazio Mare Centro e a Fiumicino con la collaborazione di COREPLA, già presente con il progetto “Fishing for Litter Lazio”