WWF Italy - Leopardo delle Nevi

Leopardo delle Nevi

Il Leopardo delle nevi sta scomparendo!

Il loro numero è crollato di oltre il 20% in meno di 20 anni. 
Con meno di 4000 esemplari in libertà, questo magnifico animale potrebbe scomparire per sempre. Ma con il tuo aiuto, possiamo salvarlo.


Chi è?

Scoperto solo all'inizio del secolo scorso, il leopardo delle nevi o "fantasma delle montagne" - come viene chiamato per via della sua pelliccia - vive tra le alte montagne dell'Asia centrale, generalmente tra i 1.500 e i 6.000 metri di altitudine, in un ambiente secco, roccioso, ricco di arbusti e praterie.

Caccia soprattutto di notte o all’alba e le sue prede abituali sono le pecore selvatiche e le capre, compresa la pecora blu e argali.
Tuttavia, vivendo in un terreno di montagna le prede sono scarse e il leopardo si ciba anche di cervi, giovani yak, asini selvatici e bestiame allo stato brado: è in grado di catturare prede tre volte più pesanti.

In meno di 20 anni, il leopardo delle nevi è diminuito di oltre il 20% e oggi si stima che ci siano meno di 4.000 esemplari in libertà.


Le minacce

Perdita degli habitat, bracconaggio e aumento dei conflitti con le comunità locali, hanno portato alla scomparsa di più di un quinto dei leopardi delle nevi negli ultimi 16 anni. 

A questo, oggi bisogna aggiungere anche il cambiamento climatico, che sta fortemente minacciando il futuro di queste montagne, casa del leopardo delle nevi, ma che ospita anche vasta gamma di fauna selvatica e fornisce acqua per decine di milioni di persone!

L'impegno del WWF

Il WWF lavora da anni per la conservazione del leopardo delle nevi attraverso studi scientifici, sviluppo di progetti sostenibili per le comunità e combattendo duramente il bracconaggio. 

Il Traffic, il network internazionale che si occupa del monitoraggio della flora e della fauna selvatiche, il WWF e l’International Snow Leopard Trust stanno lavorando per ottenere subito un miglioramento nei controlli e negli sforzi di gestione della specie e per arginare nel più breve tempo possibile le principali cause di minaccia di questo splendido felino.


Alla ricerca del "fantasma delle montagne"


I territori aridi e montuosi dell'Asia centrale rendono difficile studiare il Leopardo delle nevi. Ma anche con l'aiuto delle comunità locali, il WWF Nepal è riuscito a scoprire di più su questo grande felino.

L’ABC del leopardo delle nevi

Nome scientifico
Panthera uncia

Status di vulnerabilità IUCN
EN-Endangered (minacciata)

Caratteristiche fisiche
Possiede un pelo molto spesso, color grigio fumo picchiettato di piccole macchie e puntini scuri

Curiosità
I leopardi delle nevi hanno una coda lunga circa un metro che gli permette di mantenere l’equilibrio quando corrono

Bracconaggio


​Il leopardo delle nevi viene ucciso soprattutto per la sua stupenda pelliccia, particolarissima e preziona, ma anche per le sue ossa e altre parti del corpo, che vengono spesso usate nella tradizione della Medicina Cinese

Conflitti con le comunità locali


I mandriani, che popolano le alte montagne dell'Asia centrale,  spesso uccidono i leopardi delle nevi per evitare gli attacchi alle loro greggi, provocando una perdita di biodiversità dal valore inestimabile. 

Perdita di Habitat


Il leopardo delle nevi ha bisogno di una vasta area per vivere. Ma la diffusione di attività umane ed allevamenti ha rapidamente ristretto il suo habitat. Ad oggi, la costruizione di nuove strade e l'aumento delle miniere sta frammentando ancora di più i territori del fantasma di montagna. 

Cambiamenti climatici


Tutte queste minacce vengono ulteriormente esasperate dall'impatto che i cambiamenti climatici hanno su questi territori e che mettono ancora più a rischio il futuro del leopardo delle nevi, ma non solo. Ma i cambiamenti climatici mettono a dura prova anche la sopravvivenza delle comunità locali e di tutti coloro che dipendono da questi territori.
Proteggere il leopardo delle nevi vuol dire anche assicurare un nuovo futuro al suo habita e proteggere tutti coloro che popolano questi territori.

SEGUICI SU

    


 
Condividi Facebook Icon Google Plus Icon