Fiumi e Zone Umide

È difficile dire quali siano gli ambienti italiani più ricchi di biodiversità, probabilmente le zone umide rappresentano gli ecosistemi più importanti, per la presenza di numerosissime specie di organismi acquatici, uccelli e piante. Qui, migliaia di uccelli, pesci e invertebrati trovano le condizioni ecologiche e le disponibilità alimentari necessarie ai rispettivi cicli ecologici.

In Italia, risultano di particolare interesse il complesso di lagune del Delta del Po, gli stagni sardi dell’Oristanese e del Cagliaritano, i laghi costieri pugliesi e le zone umide più o meno ampie della costa tirrenica, soprattutto nel Lazio e in Toscana.

L’acqua

L’acqua è un elemento imprescindibile per la vita sul Pianeta e la ricchezza di biodiversità della nostra Penisola è dovuta anche alla grande presenza di un diffuso reticolo idrografico.
Dalle montagne alpine e appenniniche, ghiacciai, vette innevate e torrenti alimentano i corsi d’acqua degli gli ambienti collinari e pianeggianti.

L’acqua è vita e intorno ad essa troviamo una grande varietà di ambienti, ecosistemi e naturalmente specie. Nelle aree pianeggianti, i corsi d’acqua rallentano il loro corso e formano stagni, paludi e laghi, dove la morfologia del territorio lo consente.

I Fiumi

I grandi fiumi come il Po e il Tevere hanno formato nel corso del tempo grandi e fertili pianure alluvionali, i loro delta ospitano un’infinità di forme viventi, dagli invertebrati, alle piante alle numerosissime specie di uccelli.
Il Delta del Po in particolare è considerato una delle zone umide di importanza internazionale per la biodiversità.

I grandi laghi

I grandi laghi italiani, come quelli glaciali di Garda, Iseo, Maggiore, e quelli vulcanici del Trasimeno, Bolsena, Bracciano e Vico, rappresentano delle aree di grande valore per le specie di pesci, alcune endemiche come il Carpione del Garda, nonché per l’avifauna migratrice e svernante.

Le zone costiere

Le zone umide costiere dell’Alto Adriatico, della costa veneta e romagnola, della Toscana e del Lazio, della Puglia, della Sicilia e della Sardegna rappresentano una ricchezza unica con la presenza di moltissime specie che qui si riproducono, sostano durante le migrazioni e trascorrono i mesi più freddi.

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.