Bacino del Congo

Il Bacino del Congo è un’enorme area con una complessa situazione politica, sociale e ambientale. Nonostante sia ricca di giacimenti di minerali rari, di diamanti, di petrolio, la grandissima maggioranza della popolazione versa in condizioni di estrema povertà.

  • 75mln
    di abitanti vivono nel cuore verde dell’Africa
  • 80%
    è la percentuale di tutte le specie di primati africani che vivono in questa foresta
  • 10.000
    specie di piante tropicali caratterizzano la foresta del Congo.

Considerata l’“Amazzonia africana” è la seconda foresta pluviale più estesa al mondo, ospita specie carismatiche come il gorilla, il leopardo, lo scimpanzé e l’elefante di foresta.

Dopo l’Amazzonia, è il più importante serbatoio di assorbimento del carbonio del Pianeta, svolgendo le funzioni di “polmone” del clima mondiale e di regolatore del clima dell’intero continente.

L’abc

Il Bacino del Congo è un’enorme area con una complessa situazione politica, sociale e ambientale. Nonostante sia ricca di giacimenti di minerali rari, di diamanti, di petrolio, la grandissima maggioranza della popolazione versa in condizioni di estrema povertà.

Anche le strategie di conservazione spesso si arrestano di fronte a grandissimi interessi commerciali per lo sfruttamento delle risorse forestali e del sottosuolo. Negli ultimi anni si sono moltiplicati anche gli attori che agiscono nell’area creando una notevole conflittualità di obiettivi e di azioni.

Gli interessi delle grandi compagnie internazionali che sfruttano le risorse del sottosuolo, il ruolo dei governi, i diritti delle popolazioni indigene, gli obiettivi di sviluppo socio-economico e la tutela della biodiversità sono tutti elementi che molti difficili da conciliare.

Caratteristiche e curiosità

Le foreste del bacino del Congo ospitano circa 10.000 specie di piante tropicali, di cui il 30% sono endemiche e d esclusive di quest’area. Oltre le specie carismatiche, qui vivono almeno altre 400 specie di mammiferi, 1.000 specie di uccelli e 700 di pesci.

Il bacino del Congo è abitato da esseri umani da oltre 50.000 anni e fornisce cibo, acqua dolce e rifugio a oltre 75 milioni di persone tra cui etnie che cercano in ogni modo di mantenere il proprio stile di vita e un rapporto sostenibile con la natura. Esistono quasi 150 gruppi etnici distinti e il popolo Ba’Aka è tra i rappresentanti più noti di un antico stile di vita di cacciatori-raccoglitori.

Le loro vite e il loro benessere sono intimamente legati alla foresta.

Le minacce

Le specie vegetali, animali e le popolazioni indigene che vivono nella vasta area del Bacino del Congo sono in pericolo. Il taglio illegale e non sostenibile, la costruzione di strade e dighe e le attività minerarie stanno distruggendo le foreste a ritmi sempre più elevati.

Le nuove strade permettono una penetrazione in territori un tempo inaccessibili, permettendo ai bracconieri di uccidere e catturare a scopo alimentare o commerciale un maggior numero di animali selvatici, incluse specie rare e molto localizzate.

La carne delle specie selvatiche costituisce un piatto pregiato nelle città dell’Africa Centrale, ma negli anni recenti si è diffusa l’usanza anche nei paesi occidentali, tra cui l’Europa. A rischio sono sopratutto i primati africani, fra cui i gorilla e lo scimpanzé.

I branchi di elefanti continuano a essere decimati dal bracconaggio per il commercio d’avorio, soprattutto nella Repubblica Democratica del Congo, che ha visto la sua popolazione di elefanti scendere dai circa 200.000 esemplari degli anni ’60 a meno di 20.000.

Cosa fa il WWF

Il nostro lavoro nella regione del Congo è ormai fortemente integrato con la Partnership per le Foreste del bacino del Congo, intesa a creare nuove aree protette, rafforzare la gestione delle aree esistenti e fornire opportunità di sviluppo economico.

Insieme ai nostri partner, stiamo lavorando in tutta l’area del Bacino del Congo per:

  • creare una rete di aree protette finalizzate a conservare la biodiversità;
  • incoraggiare le aziende del settore minerario e di quello del legno a promuovere le migliori pratiche gestionali;
  • promuovere la riduzione delle emissioni di gas serra provenienti dalla deforestazione e dal degrado delle aree forestali;
  • sostenere le migliori pratiche economiche sostenibili e gli investimenti finanziari in progetti di sviluppo e infrastrutturali;
  • migliorare le condizioni di vista delle popolazioni indigene e locali;
  • ridurre il bracconaggio ai danni delle specie selvatiche e il commercio di carni di specie selvatiche (bushmeat).

Il WWF lavora anche nell’’area protetta di Dzanga Sangha, creata nel 1990, è  parte del sito del Tri-National Sangha, diventato nel 2012 patrimonio nature dell’Unesco. Il territorio del Tri-National Sangha con i suoi 4,5 milioni di ettari di foreste tropicale è una delle aree più inviolate del pianeta.

Informazioni aggiuntive

Dove si trova: in Africa equatoriale, include ben 10 Paesi: Angola, Burundi, Camerun, Gabon, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Tanzania, Zambia.

Estensione: 3,7 milioni di kmq

Sostieni le nostre azioni per difendere la natura
La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.