Visita l'Oasi | WWF Italy

Visita l'Oasi


Visualizzazione ingrandita della mappa

L’Oasi è attraversata da tre Sentieri Natura per una lunghezza totale di circa 7 km, che permettono di apprezzare i molteplici ambienti dell’area: il bosco, il prato, la duna, la zona umida.
Bacheche e pannelli didattici permettono di approfondire la conoscenza sulle piante e sugli animali presenti. Lungo i Sentieri sono presenti anche capanni di avvistamento e punti di sosta.

Il percorsi sono completamente in piano e non presentano alcuna difficoltà.

Nell’Oasi è inoltre possibile svolgere visite tematiche per gruppi e per scolaresche. Di rilievo anche l’approccio con i bambini più piccoli per i quali è stato elaborato un particolare percorso sensoriale.

All'ingresso, presso il Centro Visite, è disponibile materiale informativo con mappa dei sentieri.
La gestione dell'Oasi è di WWF Oasi, in convenzione con la proprietà, Società Maccarese S.p.A, e con il Comune di Fiumicino.

COME ARRIVARE

L'ingresso dell'Oasi si trova presso Fregene sud, all'angolo tra via di Castellammare e via della Veneziana.

CON I MEZZI PUBBLICI:
- dalla stazione metro Cornelia: linea Cotral Roma - Fregene
- dalla stazione FS di Maccarese: circolare Maccarese - Fregene oppure linea 020. 

La Storia

La storia dell’Oasi è strettamente legata alla radicale opera di bonifica del territorio di Maccarese (circa 9000 ettari della zona a nord del delta del Tevere), avviata fin dal 1878 sulle storiche riserve di caccia dei Torlonia e dell’Istituto Santo Spirito: furono costruiti i primi nuclei dell’idrovora di Maccarese e si iniziò l’arginatura del tratto terminale del Tevere.
Nel 1927 furono realizzati i canali collettori, tra cui quello che attraversa l’Oasi, necessari per far defluire le acque. In quegli anni arrivarono coloni dal Veneto e dall’Emilia Romagna, che introdussero sul territorio il proprio dialetto, i propri usi e la propria cultura, modificando notevolmente i costumi locali. Nonostante tali opere ed il successivo utilizzo dell’area per cacciare, raccogliere legna e costruire carbonaie, la naturalità dell’Oasi non è stata compromessa.
L’area di Macchiagrande fin dal dopoguerra è parte della Azienda Agricola di Maccarese, oggi Maccarese S.p.A., che ha garantito negli anni la conservazione di questo peculiare ambiente naturale, affidando la gestione naturalistica al WWF fin dal 1986. 

Nei dintorni

Il piccolo borgo di Maccarese sorto ai piedi di Castel S.Giorgio. L'Ecomuseo del Litorale Romano (borgo di Maccarese)
Piacevole passeggiare sul molo del porto peschereccio di Fiumicino. Se fuori stagione consigliamo una puntata alla spiaggia.