WWF Italy - Rinoceronte

Rinoceronte

Una specie in estinzione

Sono comparsi nella terra circa 40 milioni di anni fa e si sono diffusi in Asia, Africa, Europa e Nord America. Oggi delle 30 specie ne rimangono 5 che vivono in Asia e Africa.
I rinoceronti asiatici sono divise in tre specie diverse: quello indiano, di Giava e di Sumatra. In totale sono 3.200 rinoceronti che vivono in piccole aree isolate, di questi quelli di Giava sono solo 60 esemplari e rischiano l’estinzione!
I rinoceronti africani sono di due specie, il rinoceronte nero che è quella che si trova in grave pericolo di estinzione e il rinoceronte bianco, che invece fortunatamente sta sopravvivendo soprattutto nelle aree protette.

Minacce

A minacciare l’esistenza di questi animali imponenti e dall’indole pacifica è il commercio di corni, ed è per questo che abbiamo lanciato la campagna “La sua vita non vale un corno” per impedire la scomparsa di questi animali.
La guerra dei corni infatti, ha ucciso la metà dei rinoceronti durante gli anni settanta e oggi i bracconieri agiscono in modo sempre più devastante utilizzando elicotteri e armi automatiche. In soli 3 anni abbiamo perso 1349 corni: la richiesta del corno di rinoceronte è alla radice della quasi estinzione di queste specie.
La medicina tradizionale cinese utilizza il corno di rinoceronte polverizzato per guarire febbre, epilessia, malaria, avvelenamenti e ascessi trasformandolo in un materiale pregiato che vale somme altissime sul mercato nero e questo rappresenta un forte incentivo al bracconaggio.
Nello Yemen, invece, il corno di rinoceronte viene utilizzato come manico della “Jambiya”, il tradizionale pugnale ricurvo.
La ricchezza portata dal petrolio ha fatto aumentare questa moda contribuendo all’uccisione del 90% dei rinoceronti in Kenya, Tanzania e Zambia e alla loro estinzione in 7 paesi.

L'impegno del WWF

Negli ultimi anni grazie ai nostri progetti la popolazione di rinoceronti africani è aumentata con un tasso di crescita del 7,2% per il rinoceronte bianco e del 4,8% per il rinoceronte nero.
Insieme al network TRAFFIC (Trade Records Analysis of Flora and Fauna in Commerce) combattiamo il commercio illegale di specie, e attiviamo lo spostamento di rinoceronti neri per mantenere stabile la riproduttività delle popolazioni nella zona di KwaZuku-Natad. Inoltre, insieme all'IUCN (The World Conservation Union) lavoriamo attivamente per la conservazione delle popolazioni di rinoceronti rimaste. Ciò include l'assistenza ai governi nei loro sforzi per proteggere le specie contro il bracconaggio e preservare ciò che resta del loro habitat, la riproduzione in cattività, e la pressione sui paesi perché vietino qualsiasi commercio dei corni.

Sostieni il WWF e la sua lotta per salvare gli ultimi rinoceronti rimasti sulla terra! Fermiamo insieme il commercio illegale dei corni.

                       dona ora per il rinoceronte

L’ABC del Rinoceronte

Nome scientifico:
Rinoceronte bianco (Ceratotherium simum)
Rinoceronte di Sumatra (Dicerorhinus sumatrensis)
Rinoceronte nero (Diceros bicornis)
Rinoceronte di Giava o della Sonda (Rhinoceros sondaicus)
Rinoceronte indiano (Rhinoceros unicornis)

Status Classificazione Red Data Book IUCN:
Rinoceronte bianco CR-Critically Endangered (gravemente minacciata)
Rinoceronte di Sumatra CR-Critically Endangered (gravemente minacciata)
Rinoceronte nero (diverse ssp.) CR -Critically Endangered (gravemente minacciata)
Rinoceronte della Sonda CR-Critically Endangered (gravemente minacciata)
Rinoceronte indiano EN-Endangered (minacciata)

Curiosità
Trascorrono la maggior parte del tempo brucando l’erba e non disdegnano lunghe immersioni nelle pozze di fango, dove possono restare fino a 9 ore al giorno.
Condividi Facebook Icon Google Plus Icon