Gestione della fauna selvatica | WWF Italy

Gestione della fauna selvatica

Mantenere vitale la fauna selvatica

Proteggere la fauna selvatica e il suo ambiente naturale rappresenta una delle più grandi sfide in materia di conservazione. Ma per il WWF, garantire la vita alla fauna selvatica non è solo una questione prioritaria per la sopravvivenza della fauna e della flora, lo è anche per le popolazioni umane che condividono i medesimi habitat.
Il conflitto che contrappone le legittime esigenze di spazi e sussistenza delle popolazioni con la sopravvivenza degli ambienti selvatici è in costante crescita. Con l’aumento delle popolazioni umane e la progressiva perdita degli habitat naturali, le interazioni tra umani e animali diverranno sempre più frequenti. In quale modo il WWF risponde alle esigenze vitali su tutti e due i fronti?


Il bisogno di comprendere le dinamiche della fauna selvatica

Dai gorilla agli elefanti, il WWF studia le specie minacciate per comprendere meglio le esigenze, i comportamenti e le minacce che devono affrontare. Queste iniziative sono alla base di qualsiasi misura in materia di conservazione.

Nel Parco Nazionale di Dzanga-Ndoki (Repubblica dell’Africa Centrale), il WWF è alla guida di un team impegnato a studiare i gorilla delle pianure occidentali, con particolare riferimento ai loro movimenti ed areali.

I gorilla si sono abituati alla presenza umana, e questo agevola lo studio dei loro comportamenti e offre ai turisti la possibilità di osservarli nel loro ambiente. Questo contribuirà a garantire i finanziamenti e gli incentivi per proteggere le foreste.

Il WWF si occupa dell’addestramento dei ranger, spesso analfabeti, nell’uso del localizzatore Cybertracker. Quando avvistano una specie come un elefante o un gorilla, devono semplicemente premere sull’immagine dell’animale su un piccolo computer che poi trasferirà gli avviamenti e le posizioni a un database computerizzato. I dati cumulativi, quando vengono analizzati, ci forniscono importanti dettagli sui comportamenti e le esigenze della specie in questione.

La gestione della fauna selvatica affidata alle popolazioni

 La creazione di aree di caccia per le comunità locali rappresenta un’opportunità per aiutare le popolazioni locali ad accedere direttamente alle risorse della fauna selvatica per le loro esigenze di sussistenza. Ad esempio, alcune comunità locali stanno generando redditi significativi concedendo in affitto i territori di caccia per la cacia sportiva.

Simili iniziative richiedono servizi di assistenza tecnica di lungo termine forniti dalle ONG come il WWF, per costruire la capacità locale di gestione e per investire i ricavati generati dalle riserve di caccia. Il governo ha dovuto anche sviluppare valide politiche per la condivisione dei benefici e un quadro legislativo efficace a sostegno di queste iniziative delle comunità.

Con l’aiuto del WWF i ricavi generati dalle riserve di caccia delle comunità stanno finanziando progetti come l’escavazione di pozzi, l’istituzione di fattorie gestite dalle comunità e la fornitura di aiuti nel settore scolastico.