Tipi di foreste | WWF Italy

Tipi di foreste

 rel=
Foresta di Mangrovie, Malesia
© Luc Deslarzes / WWF

Le foreste pluviali, le foreste di abeti, le foreste boreali di aghifoglie o le faggete – a seconda dell’altitudine, della distanza dall’equatore o latitudine, del tipo di suolo, della temperatura e delle precipitazioni – presentano caratteristiche diverse.

A grandi linee è possibile suddividere le foreste nelle seguenti categorie:

Foreste tropicali
Rappresentano circa la metà della superficie forestale mondiale e si localizzano nella fascia equatoriale.

Foreste mediterranee

La foresta mediterranea cresce a sud della foresta temperata nella zona costiera del Mediterraneo, in California, in alcune zone del Cile, in Africa meridionale e in Australia occidentale.

Foresti temperate

Per foreste temperate si intendono quelle foreste situate alle latitudini medie.

Foreste boreali

Tra il 40° e il 70° di latitudine Nord regna la foresta boreale.

Habitat preferito

 
	© Scott Savage
L’oceano è l’ambiente naturale che ha dato origine all’intera vita sulla Terra. Ma successivamente, sono state le foreste a divenire rapidamente l’habitat della maggior parte delle specie terrestri…compresi gli uomini primitivi.

Le statistiche che accompagnano gli studi sulle foreste pluviali attestano la straordinaria quantità di specie viventi oggi presenti in questo tipo di habitat.

Nonostante ricoprano solo il 6% della superficie terrestre, queste lussureggianti distese verdi, spesso tropicali, ospitano circa il 50% della flora e della fauna del Pianeta. In un chilometro quadrato di foresta pluviale, infatti, si può trovare una maggiore quantità di specie di quante se ne possano trovare in mille di taiga.