Gli anni Novanta | WWF Italy

Gli anni Novanta

 rel=
© naturepl.com /Andy Rouse / WWF

Il WWF negli anni '90

Gli anni novanta hanno visto un riconoscimento ancora più vasto della connessione globale tra l’ambiente, le attività e il benessere umano, così come il valore della biodiversità e i nascenti rischi legati al cambiamento climatico.
Queste problematiche sono state dichiarate parte della mission WWF, e da allora hanno determinato la linea di lavoro dell’organizzazione.

Il WWF ha sviluppato una strategia globale di conservazione che concentra i propri sforzi sulle ecoregioni più critiche al mondo e su sei grandi temi: specie, foreste, mare e acque, cambiamenti climatici e sostanze chimiche tossiche.

In questi anni nasce anche la volontà di incrementare le partnership con le aziende, per la promozione della gestione sostenibile delle risorse.

Tappe principali

  • 1992 - Il WWF è attore principale nella stesura e approvazione della Convenzione per la Diversità Biologica (CBD), trattato internazionale che si pone l'obiettivo di arrestare la perdita di natura
  • 1993 - Il WWF è protagonista della nascita e diffusione del Forest Stewardship Council, innovativo marchio di certificazione dei prodotti forestali con rigidi criteri sociali, economici, ambientali. Oggi 130 milioni di ettari di foresta nel mondo sono certificati FSC.
  • 1997 - Il WWF ha avuto un ruolo fondamentale nell’approvazione ed entrata in vigore del protocollo di Kyoto, il primo accordo internazionale per limitare le emissioni di carbonio responsabili dei cambiamenti climatici
  • 1998 - Il WWF pubblica il primo Living Planet Report, il rapporto sullo Stato del pianeta che si basa su due indicatori: calcolo dell'impronta ecologica e 'Living planet Index', che misura il trend di perdita della biodiversità
  • 1999 - In allarme per il taglio illegale e per la diffusione del bracconaggio, il WWF convoca lo Yaoundé Forest Summit, che coinvolge i paesi del bacino del Congo. E' il primo passo di una svolta che porta alla nascita di 4 milioni di ettari di aree protette.