WWF Italy - Lupo

Lupo

Chi è il cattivo ora?

Quella che stai per leggere non è una favola. È una storia vera.
La lupa Selana è l’ennesima vittima dei bracconieri in Italia. Selana, munita di collare satellitare è scomparsa all’improvviso dai “radar”. È accaduto nelle Marche, ai margini del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. I ricercatori che ne stavano seguendo il comportamento e gli spostamenti, hanno dato subito l’allarme. Le indagini immediate del Corpo Forestale dello Stato hanno condotto all’arresto di un bracconiere.
 
Questa è l’ennesima conferma per il WWF che il bracconaggio sul lupo è ormai diffuso anche nei Parchi.
  • Ogni anno oltre 300 lupi muoiono a causa dell'uomo.
  • Ogni anno 1 lupo su 2 muore per mano dei bracconieri.
     
Spesso questi atti di bracconaggio restano impuniti per mancanza del colpevole, ma questa volta no. Il bracconiere è stato arrestato e dovrà difendersi davanti al giudice
 

La realtà del lupo non è una favola...

Il lupo è da sempre protagonista di  favole e leggende, ma trasformare la realtà del lupo in una favola dal lieto fine è davvero difficile.

Nonostante i risultati delle ricerche scientifiche abbiano da tempo rivelato un profilo diverso dal “malvagio” delle leggende, c'è ancora molto da fare per promuovere una convivenza davvero pacifica tra uomo  e lupo.  

Sappiamo che il lupo nell’ambiente svolge al meglio il suo ruolo di selettore naturale, controllando la dimensione delle popolazioni delle sue prede ed eliminando le carcasse degli animali morti per cause naturali.

È un animale con un comportamento sociale complesso e strutturato, dotato di sensi straordinari e grande capacità di spostamento e adattamento. È schivo e intelligente, quindi difficile da avvistare in natura.

Il lupo è da sempre una specie simbolo delle battaglie del WWF Italia per la conservazione: erano i primi anni '70 quando abbiamo realizzato la famosa “Operazione San Francesco” ideata e coordinata insieme al Parco Nazionale d’Abruzzo, proprio per la difesa di questo splendido animale!

Per questo, quando all'interno della Conferenza Stato-Regione si è paventata l'ipotesi di permettere l'abbattimento legale del lupo, abbiamo attivato la campagna #SOSLUPO e ribadito con forza il nostro NO!

 

Lupi in libertà


 

L’ABC del LUPO

Nome scientifico

Canis lupus
 

Status Vulnerabilità IUCN

LC – Least C
 

 

Il Lupo in Italia

Il nuovo Piano sul lupo redatto dall’Unione Zoologica Italiana per il Ministero dell’ambiente ci dice che la popolazione alpina del lupo può essere stimata a circa 150 esemplari, mentre la popolazione appenninica è stimata con un valore medio di 1580 animali su tutto il territorio. 
 

Caratteristiche fisiche

Il suo mantello varia a seconda dell’età e delle stagioni. Il tono dominante è bruno o fulvo con delle sfumature più chiare sulla parte mediana della testa, sulle orecchie e sulle zampe, che presentano anche un’evidente striscia scura.
 

Socialità e riproduzione

Il lupo vive in branchi le cui dimensioni variano in base alla disponibilità di cibo e alle condizioni ecologiche. In Italia, i branchi sono costituiti in media da 2–7 individui.
Il branco è un’unità familiare che caccia, alleva la prole e difende il territorio. All’interno di questo esiste una gerarchia sociale ben definita, al vertice della quale ci sono un maschio e una femmina dominanti (individui “alfa”) che sono gli unici animali a riprodursi, mentre gli altri individui collaborano attivamente alla crescita dei cuccioli e alla caccia.
 

Curiosità

La vista e l’udito sono molto sviluppati. Il fenomenale olfatto gli permette di sentire la presenza di prede anche a grandi distanze.

Cosa facciamo per difendere il lupo?

Per i biocorridoi
Lavoriamo per garantire ai lupi delle aree, attraverso le quali possano riprodursi, spostarsi in modo sicuro e al riparo da pericoli.

Contro il bracconaggio
Lottiamo affinché le trappole, i lacci, i bocconi avvelenati dei bracconieri, che ogni anno causano la morte di centinaia di lupi, non siano più un problema, non solo per il lupo, ma anche per gli altri predatori come l’orso bruno.
Lavoreremo per convincere sempre più persone e le autorità competenti, affinché la mattanza dei lupi finisca una volta per sempre. Il WWF si costituirà parte civile per far si che i bracconieri siano puniti con leggi più severe.

Per la corretta informazione
Un tassello fondamentale per diffondere pratiche di allevamento che tengano in adeguata considerazione la presenza dei predatori. E rendere possibile la convivenza lupo/uomo.

SEGUICI SU

    


 
Condividi Facebook Icon Google Plus Icon