WWF Italy - Traffic

Traffic

Fermiamo insieme il commercio illegale!

Il traffico illegale di piante ed animali selvatici è una delle principali cause di perdita di biodiversità nel mondo: ogni anno, centinaia di milioni di specie animali e vegetali rare vengono prelevate dal loro ambiente e vendute a peso d'oro sui mercati clandestini.

Ogni volta che acquistiamo un indumento, un souvenir o un prodotto che potrebbe derivare dal commercio illegale, abbiamo una grande responsabilità.

MEDICINE: Molti medicinali sia tradizionali che occidentali sono realizzate con specie vegetali o composti estratti da queste.

MANUFATTI: nel commercio di oggetti ornamentali si trovano moltissime parti e derivati animali: figurine di avorio, coralli, carapaci di tartaruga, conchiglie, insetti disseccati come farfalle e coleotteri.

ABBIGLIAMENTO: pelli, pellicce, lane e peli di varie specie di mammiferi, rettili e anche pesci sono presenti sul mercato internazionale sotto forma di moltissimi prodotti: articoli di vestiario, scarpe, scialli, portafogli, ciondoli, tappeti, trofei.

ANIMALI DA COMPAGNIA: negli ultimi decenni il numero di animali selvatici venduti per questo scopo è cresciuto in modo notevole. Vi è un importante e pericoloso commercio che viene alimentato da collezionisti specializzati nelle specie più rare e particolari: anfibi e rettili, coralli e pesci, scorpioni, ragni, scimmie, pappagalli e tucani.

ARREDO: il taglio illegale delle foreste e il contrabbando di legname sono fenomeni sempre più gravi alimentati da una richiesta inesauribile per i legnami più pregiati, come il mogano americano.
 
 

L'impegno del WWF

IL WWF è impegnato con un apposito ufficio TRAFFIC per contrastare il commercio illegale e per garantire un consumo sostenibile di queste risorse.

Prelevare le risorse naturali in modo sostenibile è la soluzione per fare in modo che la natura continui a garantirci quei servizi di cui abbiamo bisogno tutti noi per vivere.

Con il tuo sostegno al Progetto Traffic, possiamo aumentare i controlli e la vigilanza che riguardano il commercio di specie a rischio, potenziare le indagini che riguardano le principali rotte dei traffici clandestini in affiancamento al Corpo Forestale dello Stato e garantire l’accoglienza nei nostri Centri di Recupero Animali Selvatici ed Esotici degli animali sottratti ai trafficanti in applicazione della legge.
 
                       dona per il progetto traffic
Il TRAFFIC (Trade Records Analysis of Flora and Fauna in Commerce) è un network internazionale che ha il compito, in accordo con i princìpi delle Strategie Mondiali di Conservazione, di effettuare il monitoraggio del commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatica e di studiare, allo stesso tempo, le forme di utilizzazione sostenibile per garantire un corretto utilizzo di queste specie selvatiche.

Il network TRAFFIC è un programma svolto in collaborazione con WWF e l'Unione Mondiale per la Conservazione (IUCN). Fin dalla sua fondazione nel 1976 il TRAFFIC ha giocato un ruolo fondamentale nel convincere la comunità mondiale del fatto che il commercio indiscriminato di animali e piante selvatiche può minacciare seriamente la sopravvivenza di queste specie in natura.

L'Ufficio Italiano del TRAFFIC Europe nasce nel 1986 come programma finanziato dal WWF Italia e costituisce la principale fonte italiana di dati sul commercio internazionale di specie selvatiche a disposizione delle amministrazioni statali, del settore industriale e delle organizzazioni non governative. Fornisce, infatti, regolarmente informazioni sul commercio di specie selvatiche anche ai mass-media e al pubblico, preoccupandosi di far conoscere la Convenzione di Washington, di diffondere il messaggio della conservazione e di rendere note le minacce alla natura causate dal commercio illegale.