A Doha occorre fermare l'aria calda | WWF Italy

A Doha occorre fermare l'aria calda

Notizie pubblicate su 03 December 2012   |  
manifestazione a Doha
manifestazione a Doha
© WWF International
Alla Conferenza sul clima, in corso a Doha fino al 7 dicembre,  gli osservatori stanno dicendo apertamente che il secondo periodo di impegno del Protocollo di Kyoto (KP2) - l'unico accordo giuridicamente vincolante in tutto il mondo sui cambiamenti climatici - è a rischio a causa delle posizioni della Russia e della Polonia, denunciano Greenpeace e WWF.

Già nel 1997 alle economie in transizione dell'Europa orientale sono stati dati obiettivi troppo generosi. All’avvio del protocollo di Kyoto, alcuni Paesi hanno ricevuto un limite superiore di emissioni nella forma di crediti di carbonio – noti come AAU (Assigned Amount Units) e comunemente definiti come “aria calda”. Se i Paesi avessero emesso meno di questo limite, avrebbero potuto scambiare la differenza come crediti di carbonio. E’ stato stimato che rimarranno ancora fino a 13 miliardi di tonnellate in termini di AAU, quando la prima fase del protocollo di Kyoto terminerà, fra quattro settimane. Ogni credito vale quanto una tonnellata di Co2 in atmosfera e contribuisce al cambiamento climatico. La ragione principale per un surplus di AAU in alcuni paesi è quasi interamente dovuto al calo nelle economie dei paesi dell'Europa orientale come la Russia, l'Ucraina e la Polonia.

L'Europa è profondamente divisa sulla questione e la Polonia insiste sul pieno riporto dell’ “aria calda” nel secondo periodo di impegno e oltre (post-2020). Se l'UE capitola davanti alla Polonia, ricca di carbone, l'Europa potrebbe finire per perdere la sua credibilità come leader nella lotta ai cambiamenti climatici.
“A Doha si devono prendere impegni ambiziosi e concreti per la salvaguardia del clima. E si deve porre un argine a tutte le fallacie derivate dal commercio di crediti di emissione e dalla creazione di un vero e proprio mercato del carbonio. Se si consentirà alle economie dell’ex blocco socialista di conservare intatti, in un secondo mandato, i crediti non sfruttati, si starà semplicemente piegando, ancora una volta, la difesa del clima a questioni di realpolitik miopi e irresponsabili” dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace.

Mariagrazia Midulla, responsabile Clima e Energia del WWF Italia, che è a Doha per seguire i negoziati, dice che i Paesi a Doha devono  riconoscere ciò che la scienza ci dice sullo stato del clima mondiale. "L’incubo di un mondo più caldo di 4 gradi è davanti ai nostri occhi. I ministri degli Stati membri dell'UE, la Russia e l'Ucraina, ai negoziati di Doha hanno l'obbligo di agire con urgenza e di fare tutto quanto in loro potere per fare tagli reali alle emissioni di CO2. Se i paesi riuniti a Doha vogliono che questo summit raggiunga un risultato tangibile per il clima globale, devono eliminare la possibilità di trasferire questo surplus di AAU nel secondo periodo di Kyoto. Questa dovrebbe essere l’eredità di Doha, o verrà ricordata come una conferenza politicamente a base di “aria calda” o peggio di “aria fritta” conclude Midulla.

Rispetto ai dati appena diffusi nel Global Carbon Budget 2012, il WWF aggiunge:
“I dati resi noti dal Global Carbon Project, il più autorevole programma internazionale di ricerche sul ciclo del carbonio, dell'Earth System Science Partnership (ESSP) che sono stati sistematizzati nell'ultimo Global Carbon Budget 2012 ci documentano tutta la motivata preoccupazione della comunità scientifica internazionale e dovrebbero obbligare le delegazioni presenti a Doha ad un'azione immediata e senza ulteriori dilazioni. Le emissioni di anidride carbonica derivanti dall'intervento umano hanno raggiunto il livello più alto toccato nella storia umana (34.7 miliardi di tonnellate di anidride carbonica solo da emissioni derivanti dai combustibili fossili e dalla produzione di cemento), siamo al 54% in più rispetto al 1990, l'anno di riferimento del protocollo di Kyoto.

Non solo, ma continuando su questi livelli come purtroppo l'inazione politica che sta avendo luogo anche a Doha dimostra, gli scienziati ci indicano che ci muoviamo secondo lo scenario peggiore previsto dai nuovi Representative Concentration Pathway che sta utilizzando l'IPCC per il suo nuovo V rapporto che sarà reso noto tra il 2013 e il 2014, conducendo quindi con ogni probabilità la temperatura media della superficie terrestre a un livello tra 4 e 6.1°C in più entro la fine del secolo, rispetto alla temperatura presente in epoca preindustriale. Una vera catastrofe.”
manifestazione a Doha
manifestazione a Doha
© WWF International Enlarge

Commenti

blog comments powered by Disqus