Sicilia, il petrolio mi sta stretto | WWF Italy

Sicilia, il petrolio mi sta stretto

Notizie pubblicate su 07 June 2013   |  
Visual della campagna 'Sicilia il petrolio mi sta stretto'
© WWF Italia
In occasione della Giornata Mondiale degli Oceani  dell'8 giugno  che quest’anno ha lo slogan “Insieme per salvare mari e oceani” il WWF Italia lancia la campagna online “Sicilia, il Petrolio mi sta stretto” che durerà tutta l’estate, all’interno della iniziativa WWF “Per un Mediterraneo di qualità” . Il sito della campagna wwf.it/ilpetroliomistastretto vuole essere uno spazio di attivazione della cittadinanza per discutere, approfondire e scoprire di più sulla minaccia delle trivellazioni, anzi, delle coltivazioni di petrolio in Italia e in particolare nel Mediterraneo.
 
Il gioco di parole a cui fa riferimento la campagna parte proprio dallo Stretto di Sicilia perché da lì passa tutto, dal minimale scambio di correnti, superficiali e profonde ai tonni e alle tartarughe in migrazione, alle flotte pescherecce degli stati mediterranei che si riversano tutte lì per pescare il pesce più pregiato al mondo, il tonno rosso. 
Il Mediterraneo è anche una delle vie d'acqua più trafficate del mondo, il 15% del traffico globale passa per il Canale di Sicilia. Più di 325.000 transiti si verificano ogni anno rappresentando un capacità totale di trasporto pari 3,8 miliardi tonnellate. Si stimano, nella media, che 200.000 navi commerciali attraversano il Mediterraneo dirette verso i 300 porti del bacino. E si ipotizza anche questi valori tenderanno a crescere di tre o quattro volte nei prossimi 20 anni.

Dove tutti passano, lo stato italiano vorrebbe trasformare il tragitto, da libero qual è, ad una corsa ad ostacoli, permettendo la costruzione di piattaforme petrolifere.
Attualmente in Italia si contano complessivamente, a mare e sulla terraferma, 202 concessioni di coltivazione, 117 permessi di ricerca, 109, istanze di permesso di ricerca, 19 concessioni di coltivazione, 3 istanze di prospezione.


“Ogni qual volta guardo la mappa ufficiale delle concessioni per estrazione petrolifera fornita dal Ministero dello Sviluppo Economico mi sento circondato e penso solo ad una cosa: chi pagherà se qualcosa va storto? “ si chiede Marco Costantini responsabile Mare WWF Italia.

Alcuni degli oceani più iconici del mondo  sono anche i più a rischio, secondo un nuovo studio del WWF Internazionale ‘Accidents at sea’  sugli incidenti di navigazione.
Il  Mediterraneo e il  Mar Nero, il Mar Cinese Meridionale e Indie orientali, il Mare del Nord e le isole britanniche sono i punti più pericolosi per gli incidenti che coinvolgono navi.
Le navi da pesca sono quasi un quarto delle navi perdute in mare, ma le navi da carico rappresentano oltre il 40%.  Il rischio per l'ambiente è direttamente collegata al tipo e alla quantità di sostanze pericolose trasportate, in particolare il petrolio, alla fase di trasporto e alla sensibilità della zona marina in cui potrebbe verificarsi un incidente. Nel 2002  la petroliera Prestige affondata causando oltre 70.000 tonnellate di petrolio rilasciato nell'Oceano Atlantico al largo della costa spagnola. Nel 1991 è toccato alla Haven, che versò davanti a Genova migliaia di tonnellate di petrolio e va ricordato il recentissimo sversamento dalla raffineria ENI di Gela che ha fatto scattare l’allarme ambientale.

Per documentare le tante iniziative in corso in tutta Italia a difesa del mare e contro le trivellazioni, sul sito verranno postati una serie di documentari video: il filmaker Gianpaolo Rampini sta realizzando una mini-serie di video documentari che illustrano proprio la volontà dei cittadini di salvare il proprio mare.

Si comincia con la  prima puntata  online da sabato 8 dove si racconta del 13 aprile quando a Pescara c’è stata la più grande manifestazione mai fatta in Abruzzo, il cui titolo era "Tutti in piazza a Pescara per traghettare l'Italia fuori dall'Era del petrolio".

La campagna ‘Sicilia: Il petrolio mi sta stretto’ prosegue tutta l’estate e prevede già la prossima settimana alcuni importanti appuntamenti:  in occasione del Turtle Day del 16 giugno, giornata mondiale dedicata alle tartarughe marine quando è prevista la liberazione di alcune Caretta caretta in Sicilia.
A 35 anni dalla campagna WWF-Marina Militare “Il Mare deve vivere”, il WWF rinnova la storica collaborazione coinvolgendo il pubblico attraverso attività di sensibilizzazione a bordo delle navi Amerigo Vespucci e Palinuro, velieri storici della Marina. Toccando i principali porti italiani, dal 15  giugno a settembre esperti ed operatori del WWF illustreranno le rare meraviglie che vanta il Mare Nostrum, così strettamente connesso ai valori della nostra cultura e alle economie locali, ma anche le minacce che stanno mettendo a serio rischio questo preziosissimo ecosistema.

Molte altre cose sono previste e il sito è il posto giusto per rimanere informati.

Visual della campagna 'Sicilia il petrolio mi sta stretto'
© WWF Italia Enlarge
Trivellazioni offshore
Trivellazioni offshore
© © Michael Sutton / WWF Enlarge
No alle trivellazioni in Adriatico, manifestazione a Pescara del 13 aprile 2013
© Lucio Biancatelli WWF Italia Enlarge

Commenti

blog comments powered by Disqus