Impatti acustici sui cetacei

Il nuovo report sul rumore antropico nei mari, sopportabile per l'uomo ma deleterio per i cetacei

Il report che lancia l’allarme

Noi umani in mare facciamo troppo rumore. Tanto che l’inquinamento sonoro è diventata un’emergenza da regolamentare al più presto, perché a farne le spese sono i cetacei, animali “acustici” per eccellenza, già in critiche condizioni di conservazione secondo la IUCN.

Tutte e 8 le specie di cetacei presenti in Mediterraneo, infatti, sono inserite tra le categorie “data deficient” (per le quali le informazioni sono insufficienti), vulnerabile (capodoglio, balenottera comune) e in pericolo, come il delfino comune, che a dispetto del nome è classificato “endangered”.

Questo e molto altro emerge dal nuovo report del WWF “Rumore antropico nel mare, sopportabile per l’uomo, deleterio per i cetacei”, con il quale chiediamo alle istituzioni misure urgenti per normare e ridurre le emissioni sonore di origine antropica nel Mare nostrum, vero e proprio hotspot di biodiversità per i cetacei.

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.