Bracconaggio e commercio illegale minacciano lo storione | WWF Italy

Bracconaggio e commercio illegale minacciano lo storione

Notizie pubblicate su
12 April 2021
Un nuovo rapporto del WWF rileva che 1/3 del caviale (le prelibate uova di storione) e dei prodotti a base di carne sono stati venduti illegalmente nella regione del Danubio inferiore. In Europa tutte le specie di storione tranne una sono in via di estinzione: ora un nuovo rapporto descrive in dettaglio la portata del bracconaggio e del commercio illegale di carne e caviale di storione selvatico nel Danubio inferiore e nel Mar Nero. Piaghe che minacciano la sopravvivenza di questi iconici pesci, veri e propri fossili viventi.
 
Pubblicata oggi, la nuova indagine di mercato del WWF ha rilevato che un terzo della carne di storione e dei prodotti a base di caviale in quattro paesi chiave per lo storione - Bulgaria, Romania, Serbia e Ucraina - sono stati venduti illegalmente. In particolare, il 19% di tutti i campioni proveniva da storione selvatico, che attualmente non può essere catturato o commercializzato legalmente in nessuna parte della regione, mentre un altro 12% non è conforme alle normative sul commercio internazionale.

 "Lo storione è già il gruppo di specie più a rischio di estinzione sulla Terra e questo rapporto allarmante descrive una delle minacce più gravi alla loro sopravvivenza: e cioè il bracconaggionelle regioni del Danubio inferiore e del Mar Nero, per soddisfare la domanda di carne e caviale selvatico illegali", ha affermato Beate Striebel, responsabile del WWF Global Sturgeon Initiative. “Questo rapporto dimostra che i crimini contro la fauna selvatica non riguardano solo ossa di tigre, zanne di elefante e corna di rinoceronte, ma anche prodotti di storione selvatico - e sta accadendo proprio ora, proprio qui in Europa. Dobbiamo lavorare tutti insieme per fermarlo o lo storione rischia di estinguersi nel silenzio "

Campioni di caviale e carne di storione sono stati raccolti nel Danubio inferiore e nella regione nord-occidentale del Mar Nero, due degli ultimi luoghi in Europa che ancora ospitano popolazioni di storioni selvatici. I campioni sono stati prelevati da tutta la catena commerciale, inclusi ristoranti, bar, negozi, supermercati, mercati locali, strutture di acquacoltura, pescatori e offerte online. Tutti i campioni sono stati sottoposti a test sia del DNA che degli isotopi.

 "Esistono pochissime indagini di mercato sul commercio di storioni, e questo è l'unico finora che combina due metodi forensi all'avanguardia, metodo fondamentale per rilevare il commercio illegale", ha affermato Arne Ludwig, esperto di genetica IZW, Co -Chair IUCN Sturgeon Specialist Group e coautore del rapporto sullo storione.