Le Guardie Giurate WWF | WWF Italy

Le Guardie Giurate WWF

 rel=
Sequestri operati dalle Guardie WWF di Salerno
© WWF Salerno

Entra nel nostro nucleo di vigilanza!

Chi sono le guardie WWF?

Le nostre guardie sono dei volontari molto speciali, collaboratori preziosi per le attività giudiziarie e legali che ogni giorno svolgiamo grazie a voi. Le guardie del WWF nascono all'inizio degli anni Novanta. Oggi ci sono 320 volontari e cinquanta nuclei attivi in quindici regioni che ogni anno offrono in maniera gratuita complessivamente 55mila ore di servizio in difesa della natura, circa 145 ore in media a guardia, spalmate nei weekend, nel tempo libero, durante le ferie, a volte. 

Cosa fanno?

In questi anni sono stati migliaia gli accertamenti di violazione effettuati dalle nostre guardie, in stretta collaborazione con le forze dell'ordine. Il nostro nucleo di vigilanza persegue  numerosi illeciti  che si compiono in Italia ai danni dell’ambiente: dall’uccisione di specie protette al bracconaggio, dagli abusi edilizi all’abbandono di rifiuti, dal maltrattamento degli animali al commercio illegale di fauna e flora, dall’inquinamento di fiumi e mari, alla pesca illegale, dalle attività industriali inquinanti, agli scarichi abusivi, agli incendi.

Come fare per diventare una guardia WWF?

- Il primo passo per chi vuole entrare a far parte del nostro servizio di vigilanza è compilare il modulo oppure inviare una richiesta, anche solo informativa, al seguente indirizzo: reclutamentoguardie@wwf.it indicando i dati, la residenza e i recapiti mail e telefonici.
L'età minima richiesta è 18 anni. 

Esistono varie forme di vigilanza che differiscono in base alla materia ed alla normativa regionale. In generale, il WWF nomina Guardie volontarie addette a due principali settori di vigilanza: 

- protezione zoofila e ambientale. Per diventare guardia zoofila e ambientale è necessario frequentare un corso interno alla nostra associazione 

- vigilanza ittico-venatoria. Per diventare guardia ittico-venatoria è necessario frequentare un corso riconosciuto e autorizzato dalla Regione di appartenenza. 

È preferibile conseguire entrambe le qualifiche al fine di potere espletare l'attività di vigilanza con maggiore efficacia. 

I corsi hanno una durata media di 50 ore  e ai partecipanti si richiede un contributo minimo per la copertura delle spese. 
- In entrambi i casi, al termine del corso si dovrà sostenere un esame che, se superato con successo, permetterà all'esaminato di prestare giuramento e diventare una guardia giurata WWF a tutti gli effetti. 


Una ulteriore possibilità è quella di diventare Assistente Ambientale e Antibracconaggio (A.A.A.). Questa qualifica ha funzioni operative o amministrative di ausilio alle guardie WWF. È una figura ideata per chi, non avendo possibilità di diventare guardia WWF, non rinuncia ad attivarsi in prima persona a favore della natura oppure per coloro i quali decidano di intraprendere un percorso graduale prima di diventare guardie WWF. Per diventare A.A.A. si dovrà partecipare ad un corso interno all'associazione (teorico e pratico) e sostenere un esame finale. 

Ogni anno tutte le nostre guardie e gli A.A.A. verranno invitati ad un seminario nazionale che ha lo scopo di favorire la conoscenza e il dialogo fra il personale di vigilanza proveniente dai vari territori, permettere di affrontare le problematiche riscontrate nell'anno trascorso e di consentire un costante aggiornamento sulle nuove normative. Inoltre i coordinatori regionali potranno a loro volta coinvolgere il proprio gruppo di vigilanza ambientale in periodici incontri di aggiornamento sulle normative locali. 

 

Scopri di più sulle Guardie del Panda >>

Per maggiori informazioni

Ufficio coordinamento settore vigilanza WWF Italia:

wwf-coordinamentoguardie@wwf.it
Giampaolo Oddi : 3332025280
Giuseppe Rinaldi : 3494456022

Il kit della guardia del Panda

Le Guardie del Panda svolgono il loro servizio senza alcun tipo di arma, se non quella della conoscenza delle regole e qualche ausilio, come la radio trasmittente, il binocolo, la macchina fotografica, carta, penna e da qualche anno anche computer portatili capaci di trasmettere on-line immediatamente i dati della segnalazione alle autorità competenti.

Le 3 Regole della Guardia WWF

  • Saper osservare

  • Muoversi con destrezza

  • Nervi saldi

#FURTODINATURA - Storie di bracconaggio "Made in Italy"

Iscriviti al WWF