Le foreste, depuratori dell'aria terrestre | WWF Italy

Le foreste, depuratori dell'aria terrestre

 rel=
Alberi
© James Morgan / WWF
Proprio come i nostri polmoni assorbono l’anidride carbonica presente nel sangue e vi infondono ossigeno, le piante verdi assorbono l’anidride carbonica durante la fotosintesi e, in cambio, rilasciano ossigeno nell’atmosfera.

Questo è il motivo per cui spesso si parla delle foreste come i polmoni della Terra, appellativo usato soprattutto per riferirsi alle foreste pluviali dell'Amazzonia, le più grandi foreste tropicali esistenti al mondo.

 

GLI ALBERI E LA CO2


La fotosintesi clorofilliana, processo che estrae l'anidride carbonica dall'aria, utilizzando l’acqua, e la trasforma in materia vegetale, è uno dei mezzi naturali che da 3,5 miliardi di anni permette di assorbire CO2. Le foreste del mondo, tra il 1990 e il 2007 hanno sequestrato in media 2,4 miliardi di tonnellate di carbonio all’anno. 

Secondo i dati della FAO del 2010 le foreste manterrebbero immagazzinate 289 miliardi di tonnellate di carbonio nella biomassa viva, nel legno morto, nella lettiera e nel suolo. Il legno, composto per circa il 50% di carbonio, se utilizzato per produrre beni di lunga durata, come edifici e parti di essi, mantiene naturalmente intrappolata la CO2 mentre, se usato come combustibile, la rilascia in atmosfera.

Le foreste contro i cambiamenti climatici

Le foreste coprono il 31% delle terre emerse del pianeta, costituiscono l’habitat per il 75% della biodiversità terrestre e, in varie forme e particolarmente grazie al processo della fotosintesi clorofilliana, contribuiscono alla lotta al cambiamento climatico.

La FAO dal 1948 elabora assessment sullo stato delle foreste (i “Global Forest Resources Assessment” vengono pubblicati ogni 5 anni, il prossimo è previsto per il 2020 mentre ogni anno viene pubblicato lo “State of the World’s Forests”) e secondo i suoi dati più recenti risulta che le foreste pluviali producono oltre il 40% dell’ossigeno terrestre. Al contrario, la deforestazione è una delle principali cause del riscaldamento globale: produce dal 12 al 20% delle emissioni di gas serra.