Oltre le foreste

Il nuovo report WWF che mostra la necessità di ridurre l’impatto dell’UE su tutti i sistemi naturali, non solo quelli forestali

I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità e serbatoi di carbonio

Per contrastare con efficacia cambiamento climatico e perdita di biodiversità l’Unione Europea deve proteggere anche gli ecosistemi non forestali come praterie, savane, zone umide e torbiere e inserirli nella proposta di legge contro la deforestazione.

Praterie e savane possono trattenere due volte la quantità di carbonio delle foreste tropicali, mentre

Lo sottolinea il nuovo report Oltre e foreste: ridurre l’impatto dell’UE su tutti i sistemi naturali, condotto da 3keel per conto del WWF, fornisce una chiara evidenza dell’impatto dei consumi UE su nove ecoregioni del Pianeta.

La mancata inclusione degli ecosistemi non forestali nella proposta di legge della Commissione europea contro la deforestazione, rischia di trasferire dalle foreste a savane, praterie e torbiere la pressione e la distruzione causate dalla produzione agricola e dalla zootecnica per importare materie prime come carne, soia, olio di palma e gomma naturale.

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.