un calendario dell'avvento Green

Scopriamo insieme 24 piccole azioni che renderanno sostenibile la nostra routine quotidiana…e il Natale! Dal 1° dicembre alla vigilia, un consiglio al giorno per rendere sempre più Green queste feste!

dicembre

ACQUA SPRECATA: NO GRAZIE!

Quando non si sta utilizzando l’acqua, è necessario chiudere il rubinetto per evitare sprechi. Mentre vi lavate i denti oppure sotto la doccia, l’acqua che scorre non è fondamentale, anzi! 

dicembre

FREDDO…MA NON TROPPO, SPOSTIAMOCI IN BICI!

Il mezzo di trasporto più ecosostenibile è chiaramente la bicicletta. Utilizzarla per spostarsi in città eviterà di inquinare con l’automobile ed è anche utile per rimettersi in forma senza per forza doversi iscrivere in palestra! 

dicembre

PROGRAMMI PER L’8 DICEMBRE?

Viaggiamo a basso impatto: se non devi andare oltreoceano, scegli il treno, anziché l’aereo, contribuirai ad abbassare l’impronta del tuo soggiorno. Il secondo consiglio riguarda come muoversi una volta arrivati a destinazione: meglio andare a piedi o in bici, per inquinare meno, scoprire angoli nascosti e vivere un luogo come chi lo abita. Scegli strutture ricettive che abbiano un’attenzione all’ambiente e anche tu fai la tua parte: per esempio, la quantità di biancheria lavata senza un reale bisogno implica un enorme consumo di acqua, energia e detersivi: chiedine il cambio solo quando lo ritieni davvero opportuno. Tutto si muove tramite app: non stampare biglietti su carta ma scaricali sul cellulare.

dicembre

NON È MAI TROPPO TARDI PER RIDURRE IL MONOUSO… SOPRATTUTTO A NATALE

Evitiamo quanto più possibile oggetti usa e getta, primi fra tutti le bottiglie d’acqua. Una borraccia da riempire e riutilizzare infinite volte, è un’ottima soluzione quotidiana. A casa, invece, durante una cena con gli amici, facciamo la spesa per la cena privilegiando prodotti sfusi, serviamo l’acqua del rubinetto in una caraffa, e prepariamo la tavola con il servizio: se gli ospiti sono tanti nessun problema, il trend del momento è quello di allestire la tavola con elementi diversi e spaiati!

dicembre

PULIZIE ECOLOGICHE, SI PUÒ

Avere la casa pulita è un tema prioritario per il benessere ma, per farlo, non è necessario utilizzare prodotti che danneggino il Pianeta e inquinino l’aria della nostra casa. Molti prodotti per la pulizia della casa possono essere sostituiti con i famosi “rimedi” della nonna, il bicarbonato, l’aceto e il limone sono degli evergreen molto efficaci. Per quei detersivi irrinunciabili, sperimentiamo il refill che riduce la quantità di imballaggi, rispettiamo sempre le dosi di utilizzo, areiamo frequentemente la casa. Alcune bellissime piante d’appartamento possono dare oltre ad un tocco di natura, anche un contributo per migliorare la qualità dell’aria di casa.

dicembre

E PER IL CENONE? FARE LA SPESA A CHILOMETRO ZERO!

Prediligere una spesa (e uno shopping) fatta di prodotti locali è sicuramente una delle scelte prioritarie, soprattutto durante le feste, quando consumiamo una quantità di cibo superiore alla media. Importante è puntare sempre su frutta e verdura di stagione, di prossimità, preferibilmente da agricoltura favorendo anche le piccole realtà.

dicembre

CHIUDI IL COPERCHIO!

In giardini e terrazzi, i contenitori per la raccolta differenziata, soprattutto della plastica, possono possono essere lasciati inavvertitamente aperti o venire scoperchiati animali selvatici, come gabbiani, cornacchie. In queste situazioni, complici anche le giornate di vento, la plastica rischia di disperdersi più facilmente in natura (guarda nelle giornate di vento quanta plastica turbina in città). Se vuoi agire da cittadino responsabile e attento custode della natura fai il possibile perché i contenitori della plastica siano sempre accuratamente chiusi!

dicembre

È IL MOMENTO DI FARE L’ALBERO!

Luminarie salva-clima per l’albero o il presepe. Scegliete luci e luminarie a led evitando quelle ad incandescenza. Le luci a LED sono un po’ più costose delle altre, ma consumano meno e durano di più con un sicuro ammortizzamento nel tempo dell’investimento grazie anche ad un risparmio in bolletta di circa il 40%. Consumare meno energia vuol dire meno emissioni di CO2 nell’atmosfera. Sono inoltre più sicure in quanto generano poco calore, minimizzando il rischio di incendi dovuti al surriscaldamento. Per gli addobbi natalizi esistono materiali riciclati, ecosostenibili e addirittura decorazioni commestibili realizzate con frutta e verdura di stagione in pieno stile natural-chic: ghirlande di foglie secche, ghiande e rametti dai colori autunnali per il centrotavola, pigne naturali e tappi di sughero usati come segnaposto. Lasciate al loro posto (in natura!) muschio, agrifoglio, vischio (tutti protetti), felci e fiori invernali.

dicembre

NON LASCIAMO NULLA “ACCESO”

Spegnere le luci quando ci si sposta da una stanza all’altra è fondamentale ma anche staccare i dispositivi elettrici ed elettronici in standby è un modo per risparmiare energia. Dai computer alle macchinette per il caffè, abbiamo la casa piena di accessori che non vengono mai spenti né staccati e che di fatto continuano a consumare elettricità anche in standby. Basta un piccolo gesto, staccare una presa dalla corrente, per fare qualcosa che avrà un impatto, in positivo sulle nostre tasche e sul pianeta.

dicembre

ESISTE ALTRO OLTRE ALLA PLASTICA!

La pellicola in plastica, talvolta anche in PVC, utilizzata per avvolgere i cibi è molto inquinante, può cedere sostanze indesiderate ai nostri alimenti ed è usa e getta. Esistono tante versioni naturali della pellicola per alimenti come quella realizzata in cotone biologico e cera d’api oppure con le foglie di palma o con estratto di mais. Molte di queste sono lavabili e riutilizzabili. Una buona alternativa è anche il caro contenitore in vetro con il suo tappo. Gli “avanzi” sono un grande must delle festività, non facciamoci trovare impreparati! 

dicembre

A NATALE SI FANNO LE ORE PICCOLE… MA ATTENZIONE AI RIFIUTI!

Dopo anni di monopolio delle caffettiere, oggi le capsule spesso guidano il consumo di caffè in casa o in ufficio. Solo in Italia ogni anno vengono vendute un miliardo e mezzo di capsule che producono circa 12mila tonnellate di rifiuti l’anno, con un grande impatto ambientale, dovuto al difficile riciclo dei materiali come alluminio, plastica e fondi di caffè. Meglio privilegiare cialde compostabili oppure tornare ad utilizzare la vecchia moka.

dicembre

BELLI SI, MA CON STILE!

Anche la beauty routine ha il suo impatto sulla natura. Scegliere dischetti struccanti lavabili e riutilizzabili in cotone o in fibra di bambù, cosmetici ricaricabili, packaging riciclabile, prodotti quanto più possibile green è fondamentale per diminuire il nostro impatto ambientale. Festività richiamano look scintillanti e sgargianti, ma ricordiamoci che i glitter di ombretti, matite e creme non sono altro che minuscole microplastiche: mettiamoli con parsimonia. Oggi in commercio esistono anche glitter biodegradabili che potrebbero essere un’ottima soluzione.

dicembre

SOS SALVIETTE

Negli ultimi dieci anni si è avuto un boom senza precedenti nell’uso di salviette usa e getta di ogni tipo: struccanti, antibatteriche (per le mani così come per la casa), per neonati. Si prende, si usa e si butta via. È certamente comoda ma non senza conseguenze: nella maggior parte dei casi non sono infatti biodegradabili essendo realizzate in fibre di plastica. Inoltre, spesso contengono sostanze che sarebbe meglio evitare. La migliore alternativa alle salviette è usare acqua e sapone e utilizzarle solo nei rari casi in cui non ci sia acqua a disposizione.

dicembre

È IL PERIODO PERFETTO PER PLAID, SERIE TV E “TISANINA”, MA OCCHIO AL PACKAGING!

Sempre più spesso le bustine di tè e tisane sono realizzate in plastica non biodegradabile e non possono essere conferite nella raccolta dell’umido. La scelta migliore, in termini di impatto ambientale ma anche rapporto qualità-prezzo, resta il tè sfuso o in alternativa bustine realizzate in carta (si riconoscono perché saldate con una etichetta cartacea o con un punto metallico). È recente uno studio in cui si dimostra come le bustine in plastica siano anche fonte di rilascio di microplastiche nelle nostre bevande calde.

dicembre

NON SOLO MACROPLASTICA!

Purtroppo oltre alla plastica che vediamo portata a riva sulle spiagge di tutto il mondo ne esiste un’altra, impercettibile, la microplastica. Durante ogni ciclo di lavaggio casalingo i materiali sintetici rilasciano infinite microfibre: minuscole particelle di plastica che non vengono trattenute dagli attuali sistemi di filtraggio e finiscono nei nostri mari dove vengono ingerite dai pesci, dalle tartarughe marine e da ogni specie che popola i nostri mari. Come si ovvia a questo problema? Privilegiando quanto più possibile tessuti naturali e limitando quelli sintetici agli usi insostituibili (es. abbigliamento tecnico) avendo cura di fare lavaggi a mano o comunque delicati.

dicembre

RIDURRE LA TEMPERATURA DI CASA

Provate a ridurre di un paio di gradi la temperatura di casa e vedrete che bella differenza avrete fatto. Basta abbassare di poco la temperatura domestica, per esempio da 22° a 19-20°, e ridurrete del 10-20% circa il fabbisogno energetico per il riscaldamento con un bel risparmio in bolletta. Indossando un maglione in più in casa ne beneficerà anche la nostra salute perché si contengono gli sbalzi termici dentro-fuori che potrebbero essere dannosi per il nostro sistema cardiocircolatorio e polmonare.

dicembre

PREPARATIVI PER IL CENONE!

Per provare ad essere sostenibili anche a Natale, proviamo a preparare un pranzo con poca carne. Nella tradizione italiana esistono piatti vegetariani in grado di soddisfare anche i palati più esigenti. Inoltre, a Natale non siamo forse tutti più buoni? Evitiamo quindi prodotti come il patè di fegato d’oca che comporta enormi sofferenze agli animali o l’agonia delle aragoste. Il cenone facciamolo “leggero” almeno per il mare: no a pesce spada, gamberi tropicali, bianchetti (piccoli di sardine, alici e alacce), anguilla e le sue larve, merluzzo bianco o baccalà, puntiamo su specie di stagione e facciamoci aiutare dalla guida. Le specie neglette sono pesci meno conosciuti – e meno cari! – dei ricercatissimi tonno, salmone o dentice ma altrettanto saporiti e a basso impatto ambientale.

dicembre

IL NUOVO TREND: L’ORTO SUL BALCONE!

Creare il proprio piccolo orto in casa è oramai diventata “quasi” un’abitudine diffusa e sicuramente da molte soddisfazioni. Le idee possono essere tantissime, anche se non si ha molto spazio, si possono coltivare verdure ed erbe aromatiche che vi faranno risparmiare sulla spesa e avere prodotti freschi e davvero a km0. Possiamo anche rendere il nostro terrazzo amico della biodiversità: siepi e cespugli di piante autoctone ricche di bacche, come il prugnolo, il biancospino e l’alloro sono molto apprezzate da merli e tordi; il sambuco attira la capinera mentre l’agrifoglio può ospitare i nidi di diverse specie di uccelli. I rampicanti sulle pareti di casa possono diventare luoghi di riproduzione di uccelli e rifugi per piccoli rettili, come gechi e lucertole.

dicembre

METTIAMOCI ALLA PROVA, QUASI TUTTO QUELLO CHE È ROTTO PUÒ ESSERE RIPARATO!

Provare a dare nuova vita ad un oggetto rotto può essere una bella sfida, divertente e che ci aiuta a ridurre la nostra produzione di rifiuti. Impariamo di nuovo (perché anche solo 50 anni fa era la prassi) a non sostituire tutto, le riparazioni hanno un gran valore ambientale. Riparare non è accontentarsi, ma credere nella sostenibilità e nel vivere rispettando le risorse naturali. Inoltre è di grande soddisfazione!

dicembre

QUALCUNO CONOSCE IL PLOGGING?

In Inghilterra è già famosa. Nata dall’unione delle parole svedesi corsa (jogga) e raccogliere (plocka upp), questa attività è, come il nome suggerisce, una combinazione di esercizio fisico e azione ecologica che prevede la raccolta dei rifiuti. Ci sembra un ottimo modo per fare esercizio fisico, ridurre i rifiuti di plastica e non e diffondere uno stile di vita sempre più orientato alla tutela del nostro Pianeta.

dicembre

È TEMPO DI REGALI E IN NOSTRO AIUTA ARRIVA LA MODA “GREEN”

Possiamo evitare i capi di scarsa qualità, quasi usa e getta dopo una sola stagione: prediligiamo invece la qualità, i prodotti realizzati eticamente e fatti con materiali a basso impatto. Inoltre regalare, vendere e riciclare gli abiti che non mettiamo va sempre più di moda, il vintage non passa mai anzi è attualissimo.

dicembre

IL NATALE È LA FESTA DEI BAMBINI MA I GIOCATTOLI NASCONDONO DEI SEGRETI…

I giocattoli sono oggetti non riciclabili, destinati alla discarica o all’incenerimento quando rotti. Scegliamo anche giocattoli in legno o tessuto, magari giochi educativi, che aiutino i bambini a entrare in sintonia con l’ambiente. Lo scambio o il dono di giocattoli promuove la condivisione e crea consapevolezza già da piccoli!

dicembre

SI SA, IL CIBO FATTO IN CASA HA TUTTO UN ALTRO SAPORE!

Potremo non essere dei grandi chef ma il cibo fatto in casa dà grandi soddisfazioni. Durante le vacanze potremmo avere più tempo per metterci ai fornelli e puntare su una dieta equilibrata, semplice e genuina. Ripartiamo dalle materie prime di qualità, farina, lievito, uova, e limitiamo quanto più possibile i prodotti pronti che hanno invece un’elevata impronta ambientale, oltre ad essere spesso ricchi di sale e grassi.

dicembre

QUALE MOMENTO MIGLIORE PER PIANTARE UN ALBERO?

La vigilia di Natale può essere una bellissima occasione per fare qualcosa insieme: piantare un albero autoctono nel nostro giardino o sul terrazzo è uno dei modi migliori per ridurre l’inquinamento atmosferico e promuovere la biodiversità anche in città. Contribuiscono anche ad attutire un’altra forma di inquinamento, quello acustico.

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.