Marrakech 2016 | WWF Italy

Marrakech - COP 22

7-18 Novembre 2016

© Steve Morello / WWF
©: WWF Italia

"Prima della COP22 di Marrakech, il 4 novembre  entra in vigore l’Accordo di Parigi, approvato lo scorso anno e ratificato da molti Paesi in modo da consentirne la veloce operatività. 

L’Accordo di Parigi fissa un obiettivo indispensabile, quello di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C e comunque ben al di sotto dei 2°C . Intere aree del mondo, con mezzo grado in più subirebbero danni devastanti, e tra questi il Mediterraneo."

 

segui il blog di Mariagrazia Midulla
© Istockphoto Pedro Castellano

CAMBIAMENTI CLIMATICI: la sfida del nostro secolo


I cambiamenti climatici sono una delle più grandi minacce per gli habitat, le specie e le comunità del nostro Pianeta. 
In tutto il mondo, sotto gli occhi di tutti noi, ci sono gli effetti dei cambiamenti climatici, che stanno profondamente modificando il nostro Pianeta.

Eventi metereologici estremi, scioglimento dei ghiacciai, innalzamento del livello dei mari, sono tutte conseguenze dei cambiamenti climatici che oggi minacciano circa 360 milioni di abitanti delle grandi metropoli costiere, a cui si aggiungono i  2 miliardi di persone che soffriranno per la scarsità di acquadovuta alla perdita dei ghiacciai alpini. 

Combattere i cambiamenti climatici, diminuire la temperatura globale di 2°Ccosì come stabilito durante la COP21 di Parigi e impegnarsi quotidianamente per diminuire il nostro impatto sul mondo, sono le vere sfide del nostro secolo. 

Cosa fa il WWF? 


Lavoriamo con i governi per favorire la diminuzione delle emissioni di carbonio;

Interagiamo con le comunità locali per promuovere nuovi modelli di sviluppo, più rispettosi per l'ambiente; 

Sosteniamo in tutto il mondo un rapido passaggio verso le energie rinnovabili. 

Artide, Antartide e ghiacciai alpini come Himalaya, Alpi, Patagonia, Alaska e altri: il 40% del pianeta è coperto da ghiacci e manti nevosi, un sistema di raffreddamento che si sta rompendo a causa del riscaldamento globale.

Scarica il Report ‘Ghiaccio bollente’ del WWF, una visione planetaria sulla riduzione dei ghiacci del pianeta ed i suoi effetti su specie e uomo basata sulle più recenti evidenze scientifiche, segnala la preoccupante riduzione dei ghiacci delle zone polari: qui l’aumento della temperatura media è il doppio di quella registrata nel resto del globo.


© Steve Morello / WWF

Documenti utili

Il carbone è il combustibile fossile più inquinante e pericoloso che ci sia.
È il peggior nemico per il clima perché è il responsabile del 46% delle emissioni di gas serra mondiali.
È il più pericoloso per la salute perché svariati studi scientifici ci confermano che causa malattie cardiache e respiratorie, cancro, ictus e minaccia addirittura i feti ai primi stadi evolutivi.
È necessario puntare a un modello di sviluppo diverso, fondato sull'efficienza energetica e sulle rinnovabili. È necessario che non si costruiscano altre centrali a carbone e che si chiudano quelle esistenti ad iniziare dalle più vecchie e maggiormente inquinanti.
 

Scarica il Report sull'uscita dall'uso del carbone

A 50 anni dall’alluvione di Firenze un dossier del WWF Italia fa il punto sulla situazione del dissesto idrogeologico nel Belpaese che si scopre ogni giorno più fragile e avanza proposte urgenti al governo. Da quando a Firenze, dove la mattina del 4 novembre 1966, dopo 24 ore di piogge battenti su un territorio già saturo d’acqua, l’Arno esondò drammaticamente e tutta la Toscana insieme al Veneto e il Friuli Venezia Giulia furono interessate dalle esondazioni, con Piave, Adige, Brenta, Livenza e Tagliamento, purtroppo, la vulnerabilità del nostro territorio è ulteriormente aumentata: lo testimonia il consumo di suolo che ha portato ad occupare molte delle aree di esondazione dei fiumi, compromettendone la capacità naturale di mitigazione del rischio idrogeologico.

Scarica il dossier sull'Alluvione

Il “Living Planet Report” è il rapporto biennale del WWF che fa il punto sullo stato dei sistemi naturali della Terra e le soluzioni da avviare per condurre le nostre società verso la sostenibilità.

 

Scarica il Living Planet Report 2016

Le politiche per l'uscita dal Carbone

Proprio in vista della Conferenza di Marrakech, il WWF Italia ha elaborato uno studio sulle “Politiche e misure per accelerare la transazione energetica e l’uscita dall’uso del carbone nel settore elettrico”.  Il carbone è, infatti, il combustibile a maggiore emissione di CO2 nella generazione di energia elettrica.
Per ogni kWh di energia generata a carbone l’emissione di CO2 è pari a 870 grammi contro i 370 grammi del gas naturale e le “zero emissioni” delle fonti rinnovabili. È evidente che l’utilizzo del carbone non è compatibile con gli obiettivi ambientali per contenere il cambiamento climatico ed è quindi necessario predisporre una “via d’uscita” dall’utilizzo di questo combustibile fossile che favorisca un’equa transizione dei nostri mercati energetici.

Scopri di più

Ultime notizie - Clima ed Energia

Goddard Institute for Space Studies

Il Pianeta continua a scottare

Ormai siamo di fronte a colpi di cannone e non più a campanelli d'allarme. Immorale non agire

18 Jan 2018 Leggi tutto »
La centrale Enel di Brindisi

Brindisi, la centrale piu' inquinante d'Italia

In un secondo l'impianto a carbone emette la stessa quantità di CO2 di 130.000 auto

18 Dec 2017 Leggi tutto »
La centrale Enel di Brindisi

Uscire dal carbone: il caso Brindisi

Sabato 16 dicembre il WWF invita cittadini e stampa al convegno “Accelerare l'uscita dal carbone: il caso Brindisi"

13 Dec 2017 Leggi tutto »
L'accordo di Parigi sul clima

Macron celebra il secondo anniversario dell’accordo di Parigi

Fino al 13 dicembre il “One Planet Summit” per dare slancio ai temi della finanza climatica

12 Dec 2017 Leggi tutto »