Le proposte WWF per "Riqualificare l'Italia" | WWF Italy

Le proposte WWF per "Riqualificare l'Italia"

Notizie pubblicate su 12 November 2020
Alluvione fiume Po 2003
Alluvione fiume Po 2003
© WWf Italia

Presenti il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti De Micheli, il Sottosegretario Ambiente Morassut e la Presidente WWF Italia, Donatella Bianchi


L’incontro ha l’obiettivo, nel momento in cui è stato avviato i percorso per individuare i progetti prioritari del Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza (PNRR), di presentare le proposte del WWF per un Piano di ripristino ambientale per salvare la natura d’Italia, un contributo strategico per indirizzare nel modo migliore i fondi che l’Europa ci mette a disposizione con il cosiddetto Recovery and Resilience Facility, per azioni per il clima e l’adattamento ai cambiamenti climatici.Il WWF Italia propone la realizzazione di un Piano Nazionale di Restoration,coerente con la “Strategia dell’Unione Europea per la biodiversità entro il 2030”, le cui linee essenziali verranno illustrate nel documento: “Riqualificare l’Italia. Proposte per un piano di ripristino ambientale e di adattamento ai cambiamenti climatici” che verrà presentato nel corso dell’incontro, alla presenza di Paola De Micheli, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti; Roberto Morassut, Sottosegretario al ministero dell’Ambiente; Donatella Bianchi, Presidente WWF Italia; Andrea Agapito Ludovici, Responsabile Acque del WWF Italia; Claudio Bassanetti (Presidente ANEPLA, Associazione Nazionale Estrattori Produttori Lapidei Affini) ), Meuccio Berselli (Segretario Generale Autorità di Bacino Fiume Po), Irene Priolo (Presidente AIPO - Agenzia Interregionale per il Po) e i docenti Bernardino Romano, Riccardo Santolini e Pierluigi Viaroli.

Il Piano nazionale Restoration proposto dal WWF indica le priorità d’azione, la programmazione e la quanitificazione delle risorse economiche e finanziarie necessarie alla sua concreta realizzazione e l’individuazione degli strumenti normativi, tecnici e finanziari più adeguati per garantire l’avvio di un’efficacie azione di rinaturazione nel nostro Paese. Per questo il WWF ha individuato 6 aree vaste prioritarie per la riconnessione ecologica e l’adattamento ai cambiamenti climatici (le Alpi, il Corridoio Alpi Appennino, la valle del Po, l’Appennino umbro-marchigiano, l’Appennino campano centrale, la Valle del Crati - Presila Cosentina), dove avviare interventi di ripristino ambientale e per la continuità ecologica, fermando la progressiva perdita di biodiversità che costituisce uno dei patrimoni più importanti del nostro Paese. Per una di queste aree, quella che riguarda il più grande fiume d’Italia, il Po, il WWF ha già elaborato una proposta di Piano di rinaturazione che potrebbe già diventare operativo a breve, e che verrà presentato nel corso dell’incontro.

Appuntamento il 17 novembre alle 10 su facebook.com/wwfitalia  

Alluvione fiume Po 2003
Alluvione fiume Po 2003
© WWf Italia Enlarge
Contest SCATTI DI NATURA DA CASA PER I CITTADINI
© Giovanni Cappelli - WWF OASI SIENA Enlarge
Il programma del webinar "Riqualificare l'Italia" che si terrà il 17 novembre alle 10 sulla pagina facebook del WWF Italia
© WWF Italia Enlarge