Squali, da predatori a vittime: da salvare | WWF Italy

Squali, da predatori a vittime: da salvare

Notizie pubblicate su
25 May 2020
L'avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane nei giorni scorsi ha riproposto il tema della conservazione di questi predatori, cruciali per il loro ruolo ecologico perché posti al vertice della piramide alimentare. Animali che purtroppo scontano anche gli effetti di una cattiva e immeritata fama.
Lo scorso 23 maggio uno squalo Mako di circa 4 metri è stato catturato accidentalmente da un peschereccio che effettua la pesca a circuizione per i piccoli pelagici. È stato quindi recuperato e sbarcato nel porto di Ognina, Catania. "Ma va sottolineato che nel Mediterraneo la cattura, la detenzione a bordo e lo sbarco di questa specie è illegale", denunciano i biologi di WWF SUB
Nel Mediterraneo, lo squalo mako è classificato CR (Critically Endangered) dalla IUCN, e il trend della popolazione è attualmente in declino. Nel nostro bacino questa, come altre specie di squalo, ha subito un drastico declino. Una delle principali cause è la cattura accidentale, soprattutto nella pesca del tonno e del pesce spada. 
Anche lo squalo bianco (vedi il post di WWF SUB), avvistato e filmato nei giorni scorsi da un pescatore a largo di Lampedusa, è minacciato dal bycatch, la cattura accidentale negli attrezzi da pesca.. Anche se siamo abituati ad associarlo alle acque dei mari oceanici, la presenza dello squalo bianco in Mediterraneo non è affatto eccezionale, soprattutto nel Canale di Sicilia.
La popolazione Mediterranea ha subìto un drastico declino negli ultimi 50 anni: è classificato come a rischio critico di estinzione dalla IUCN (Unione Mondiale della Conservazione), e anche  a livello globale lo squalo bianco non se la passa bene, classificato come "Vulnerabile" . Viene pescato massicciamente per le pinne, un piatto tipico della cucina cinese. Si stima che questa pesca mieta dai 70 ai 100 milioni di vittime ogni anno.

Il WWF per gli squali. Il Mediterraneo ospita 47 specie di squali: più della metà di queste sono gravemente minacciate da pesca eccessiva, gestione inefficace della pesca, mancata applicazione delle regole, insufficienti controlli nei mercati e dalla mancanza di informazioni sul loro conto. 
Per colmare questa lacuna il WWF sta collaborando ad un progetto per il monitoraggio degli squali. Durante la scorsa estate alcune verdesche sono state catturate accidentalmente durante le attività di pesca al pesce spada. I ricercatori hanno marcato quattro individui con un dispositivo satellitare chiamato tag, per testare le loro probabilità di sopravvivenza, e li hanno rilasciati in mare con supporto dei pescatori. Dei quattro squali "taggati", tre sono sopravvissuti, compiendo nelle prime settimane migrazioni dai 200 agli oltre 500 km. Ad agosto 2020 è prevista una nuova campagna di tagging in cui verranno marcati altri 10 individui.
Il WWF inoltre si batte da sempre per una pesca sostenibile e selettiva, denunciando il bycatch e l'orribile pratica del finning, il taglio delle pinne degli squali ancora vivi, poi ributtati agonizzanti in mare. 
Senza dimenticare le frodi alimentari, che spesso ci offrono la carne di squalo vendendocela come pesce spada.
La campagna WWF per salvare gli squali >>