Pandanews

In 50 anni eventi meteo estremi cresciuti di 5 volte

Secondo il rapporto ONU in media giorno muoiono 115 persone per fenomeni meteo estremi innescati dal progressivo cambiamento climatico

Il rapporto dell’ONU

Ogni giorno 115 persone in media muoiono e si perdono 202 milioni di dollari per disastri e fenomeni estremi della meteorologia innescati dal progressivo cambiamento climatico, che dal 1970 al 2019 hanno provocato 2 milioni di vittime in tutto il mondo e causato finora 3.640 miliardi di dollari perdite. Questi i dati del rapporto “The Atlas of Mortality and Economic Losses from Weather, Climate and Water Extremes”, reso noto dall’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) dell’ONU, secondo cui in questi 50 anni il numero di fenomeni estremi è stato pari a 11.000 ed è cresciuto di cinque volte, e continuerà a crescere in futuro.

Alluvione in Germania: a Erftstadt-Blessem, le case sono state massicciamente spazzate via e alcune sono crollate. Decine di persone sono scomparse. © picture alliance / ASSOCIATED PRESS / Rhein-Erft-Kreis

2 milioni di morti in 50 anni

Oltre il 90% dei morti, scrive l’agenzia dell’ONU, appartiene a Paesi in via di sviluppo. Dei due milioni di morti in 50 anni, 650.000 sono dovuti a siccità e 577.000 a tempeste e uragani, 59.000 ad alluvioni e 56.000 a temperature estreme, calde o fredde. Con il perfezionarsi dei soccorsi e dei sistemi di preallarme, la media giornaliera dei morti – pari a 115 se spalmata sui 50 anni presi in considerazione – è tuttavia diminuita negli anni: negli anni ’70 e ’80 ogni giorno in media per questi fenomeni morivano 170 persone, negli anni ’90 erano 90, calate a 40 dal 2010 in poi.

Molto semplicemente, oggi siamo più bravi a salvare vite umane di quanto non siamo mai stati

Petteri Taalas, segretario OMM

Allarme clima per Venezia

Sempre oggi, un’altra ricerca lancia l’allarme sul clima per Venezia: a fine secolo, il livello del mare in città potrebbe salire fino a 1,2 metri in più. Uno studio delle Università del Salento e di Cà Foscari, infatti, prevede che il livello del mare è destinato ad aumentare a Venezia, per via dell’impatto crescente delle emissioni climalteranti. Le stime a lungo termine sono incerte, ma il possibile aumento previsto oscilla fra 17 e 120 centimetri entro il 2100.

La campagna  Save the Climate, Save the Humans” lanciata dal WWF Italia in vista della COP21 di Parigi nel 2015
La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.