Pandanews

La rete delle aree naturali private in Italia

All'Oasi WWF di Orbetello, il 25 e 36 maggio 2022 l'incontro fra i proprietari di Aree naturali con gli esperti WWF, nell’ambito del progetto LIFE ENPLC

Il seminario all’Oasi di Orbetello il 25 e 26 maggio

Dopo il grande successo del primo convegno nazionale organizzato nel 2019, la rete di gestori delle aree naturali private si è ritrovata il 25 e 26 maggio al Casale della Giannella nell’Oasi WWF Laguna di Orbetello, per promuovere buone pratiche, condividere esperienze e affrontare problematiche comuni in futuro.

Convegno Orbetello 25-26 maggio 22
I partecipanti del seminario al Casale della Giannella, nell’Oasi WWF di Orbetello

Gli interventi sono stati finalizzati a promuovere le attività di conservazione dei terreni privati (PLC- private land conservation), sostenere i proprietari che gestiscono la natura protetta nell’Unione Europea, migliorare gli incentivi e i finanziamenti per i PLC, promuovere l’impegno dei cittadini nel sostenere i PLC, incrementare le relazioni tra le organizzazioni e i proprietari impegnati nella gestione con l’obiettivo di favorire una governance in Italia ed Europa.

Incontri come questi sono fondamentali per capire come affrontare insieme le sfide di conservare al meglio il capitale naturale all’interno di aree private, valorizzando proprio grazie a questo anche le altre attività sociali e produttive dell’area, dall’accoglienza turistica alla produzione di cibo di qualità, da attività educative innovative all’utilizzo responsabile delle risorse naturali

Francesco Marcone, project manager WWF Italia

La strategia sulla biodiversità per il 2030

Con la pubblicazione della Strategia sulla Biodiversità per il 2030Riportare la natura nelle nostre vite”, la Commissione Europea propone di incrementare e ampliare la rete di aree protette e sviluppare un ambizioso piano di ripristino degli ambienti naturali. Gli obiettivi della strategia per la biodiversità includono la protezione e la connessione del 30% del territorio dell’Unione Europea, all’interno del quale il 10% dovrebbe essere rigorosamente protetto. Questi obiettivi possono essere realizzati solo con il sostegno dei proprietari terrieri privati (ONG e individui).

Il seminario nazionale delle rete delle aree naturali private in Italia all’Oasi WWF di Orbetello

In questo contesto si inserisce il progetto LIFE ENPLC per sostenere le esigenze dei proprietari nel gestire la tutela della natura e del patrimonio storico e culturale che conservano e per definire una governance comune che tuteli le aree di conservazione private in Europa.

L’European Networks for Private Land Conservation (ENPLC) è un progetto finanziato dal Programma dell’Unione Europea per l’Ambiente e l’Azione per il Clima (LIFE).Il progetto, della durata di 4 anni, riunisce 18 organizzazioni di 11 paesi europei – Belgio, Repubblica Ceca, Estonia, Francia, Germania, Italia, Lettonia, Portogallo, Romania, Spagna e Paesi Bassi.

“Obiettivo principale è favorire e incrementare gli strumenti di tutela e conservazione dei terreni privati, perché troppo spesso l’attenzione dell’opinione pubblica è rivolta a parchi e riserve pubbliche”, dichiara Stefano Picchi, tra gli ideatori dell’iniziativa.

Migliorare la condivisione di esperienze dei proprietari (ONG e singoli individui) per affrontare problematiche comuni in futuro, buone pratiche che saranno raccolte e diffuse in Europa per replicarle con successo. Incentivare finanziamenti per la gestione dei terreni privati e promuovere e sensibilizzare il grande pubblico. Sviluppare infine una governance a livello Europeo che tuteli i terreni privati di conservazione.

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.