Pandanews

Nuovo video del leopardo delle nevi

Il re delle montagne himalayane immortalato grazie ad una camera trap Il cambiamento climatico rappresenta un grave rischio per il leopardo delle nevi, ma altre minacce arrivano dal degrado dell’habitat, dai conflitti con le popolazioni locali e dal…

Il re delle montagne himalayane immortalato grazie ad una camera trap

Il cambiamento climatico rappresenta un grave rischio per il leopardo delle nevi, ma altre minacce arrivano dal degrado dell’habitat, dai conflitti con le popolazioni locali e dal bracconaggio che alimenta il traffico illegale.
Ricerche recenti indicano che circa un quarto dell’habitat di questi animali potrebbe scomparire entro il 2070 se non verrà posto un freno al cambiamento climatico. La minaccia potrebbe risultare anche più grave in alcune aree, come il Buthan (dove oltre l’85% del territorio rischia di subire profonde modifiche) e il Nepal (82%). In occasione della Giornata Internazionale del leopardo delle nevi (Panthera uncia) il WWF diffonde un nuovo eccezionale video (© WWF-Russia) di questi felini elusivi e misteriosi.

I rappresentanti dei 12 paesi dove vive questo felino si sono incontrati di recente (agosto 2017) al Summit Globale sul leopardo delle nevi a Bishkek, in Kyrgyzstan, per verificare i progressi fatti e considerare i passi necessari per la tutela delle popolazioni di questa specie che vivono ancora allo stato selvatico, oltre che per assicurare il benessere sociale, culturale ed economico delle comunità montane. In quell’occasione il WWF ha consegnato una petizione firmata da 200.000 persone ai vari leader, sostenuta anche dall’impegno attivo di molte celebrità, a cominciare da Leonardo Di Caprio. Sulla conservazione del leopardo delle nevi è attivo tutto il Network WWF, con la partecipazione concreta di oltre 30 uffici.
Oggi restano poco più di 4.000 esemplari di leopardo delle nevi in piccole popolazioni frammentate tra le montagne di Afghanistan, Bhutan, Cina, India, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Mongolia, Nepal, Pakistan, Russia, Tajikistan e Uzbekistan. Nonostante il recente aggiornamento delle Red List della IUCN (che ha riclassificato la specie da “endangered” -in pericolo – a “vulnerabile”) la situazione del leopardo delle nevi, sottolinea il WWF, non è affatto tranquillizzante, resta critica necessita di un impegno costante per la sua tutela.
 

La natura chiama. E a volte scrive anche. Iscriviti alla newsletter WWF

Utilizziamo cookie tecnici, indispensabili per permettere la corretta navigazione e fruizione del sito nonché, previo consenso dell’utente, cookie analitici e di profilazione propri (denti di prima parte) e di terze parti, che sono finalizzati a mostrare messaggi pubblicitari collegati alle preferenze degli utenti, a partire dalle loro abitudini di navigazione e dal loro profilo. È possibile configurare o rifiutare i cookie facendo clic su “Configurazione dei cookie”. Inoltre, gli utenti possono accettare tutti i cookie premendo il pulsante “Accetta tutti i cookie”. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la nostra cookies policy.